libri
piccola guida ai monasteri e ai conventi di Sicilia

E' in libreria "Piccola guida ai monasteri e ai conventi di Sicilia" di Davide Romano (ed La Zisa, pagg. 32, € 5)

«Gli ospiti che arrivano siano accolti tutti come se fossero Cristo», così scriveva nella sua Regola San Benedetto, il padre del monachesimo occidentale. E da allora credenti e non, tutti sono bene accetti nei numerosi conventi e monasteri che punteggiano il paesaggio della Sicilia. Sono sempre di più, infatti, i laici che, in fuga da ritmi di vita sempre più disumani e alienanti delle nostre città, decidono di staccare per un po’ la spina passando qualche giorno fra le mura delle case religiose, ormai vuote di frati e monache – per la cronica e irreversibile mancanza di vocazioni -, in cerca di pace, di silenzio e di qualcuno che li aiuti a fare il punto sulla propria vita.

Moda passeggera, allora, o segnale di un disagio sempre più profondo che coinvolge ormai sempre più persone? Solo il tempo saprà dirlo. L’unica cosa certa, per adesso, è che il fenomeno non accenna a diminuire e che qualche convento è addirittura talvolta costretto ad affiggere, come gli alberghi durante la stagione alta, il cartello “completo”.

La “Piccola guida ai monasteri e ai conventi di Sicilia” (pagg. 32, € 5) di Davide Romano, che l’editore La Zisa di Palermo manda in questi giorno in libreria, vuole essere un agile vademecum per chi vuole approcciarsi per la prima volta a questo tipo di esperienza o per chi, avendola già provata, ha il desiderio di scoprire, visitare e vivere luoghi nuovi.

L’agile volumetto, corredato da alcune belle foto di ambienti e di momenti di vita monastica, è completato da alcune schede (“La vita come gratuità”, “Le giornate dei monaci”, “Pochi consigli di galateo monastico” e “Dizionarietto per chi va in convento”) che aiutano il lettore ad orientarsi in un mondo sempre affascinante e regolato da consuetudini e riti secolari.

Davide Romano (Palermo), giornalista, si occupa di pubbliche relazioni e cura diversi uffici stampa. Ha scritto e scrive per numerose testate, tra le quali: Il Giornale di Sicilia, Il Mediterraneo, La Repubblica, Centonove, Antimafia2000, L’Ora, La Rinascita della Sinistra, Jesus, Avvenimenti, L’Inchiesta Sicilia e Narcomafie..
E’ anche fondatore e direttore responsabile del bimestrale di economia, politica e cultura Nuovo Mezzogiorno e del mensile della Funzione Pubblica Cgil Sicilia Forum 98.
Con questa casa editrice ha pubblicato: L’amore maldestro (2001) e La linea d’orizzonte tra carne e Cielo (2003, insieme con Salvatore Insegna), Nella città opulenta. Microstorie di vita quotidiana (2003, 2004), La buriana e altri racconti (2003), L’anima in tasca (2004) e Dicono di noi (2005).