attualità scientifica
il teletrasporto e' un po' piu' vicino

Nella serie televisiva Star Trek, ambientata nel 2264, l'equipaggio dell'astronave U.S.S. Enterprise si muove in qualsiasi parte dell'universo grazie ai sistemi di teletrasporto ideati dall'ingegnere capo Montgomery Scott, a seguito del comando vocale "Trasportaci, Scotty".

La fantascienza molte volte ha anticipato la realta' e anche in questo caso il futuro e' forse vicino. Due gruppi di ricercatori in due luoghi distinti della Terra hanno annunciato di aver aperto la strada al trasporto delle proprieta' di una particella ad un'altra, senza utilizzare un conduttore fisico.

Scienziati dell'Universita' austriaca di Innsbruck e del NIST di Boulder, in Colorado, hanno annunciato di aver teletrasportato "stati quantici" tra atomi. Gli stati quantici sono proprieta' fisiche come l'energia, il movimento e il campo magnetico dell'atomo.

Nei computer del futuro ci sara' il qubit, la versione quantistica dei bit digital 1 e 0 utilizzati attualmente, per cui si avranno elaboratori ultrarapidi che potranno trasmettere informazioni alla velocita' della luce.

Ma il lavoro dei due gruppi scientifici, apparso sulla rivista Nature, non e' il primo nel campo del teletrasporto. Gia' due anni fa scienziati australiani avevano disintegrato un raggio laser, facendolo riapparire quasi istantaneamente ad un metro di distanza, ma in quel caso non si parlava di particelle massive.

Anche se passeranno molti anni prima che il teletrasporto ipotizzato dallo scrittore Gene Roddenberry nel 1966 diventi realta', si puo' affermare che la scienza un giorno riuscira' a trasportare un essere umano da un luogo all'altro.