cronache
Cibus Fruit and Vegetables

L’ortofrutta italiana approda a Cibus: a partire da Cibus Connecting Italy, a Parma nel marzo 2023, tutte le prossime edizioni di Cibus avranno un’ampia sezione espositiva dedicata ai prodotti ortofrutticoli freschi. Sarà un'area dove saranno riuniti esclusivamente i produttori di frutta e verdura Made in Italy, nel contesto di un format di internazionalizzazione del prodotto fresco italiano che permetta agli operatori presenti di avere un luogo dove incontrarsi e dialogare con la Distribuzione internazionale, realizzare presentazioni e degustazioni e fare approfondimento. La nuova sezione di Cibus sarà organizzata da Fiere di Parma, in collaborazione con il Consorzio Edamus Italian Fruit Village. L’iniziativa nasce dal desiderio delle aziende del settore di essere protagoniste nelle grandi fiere internazionali dell’agroalimentare e di promuovere sempre più l’export dell’ortofrutta. La novità è stata annunciata in una conferenza stampa che si è tenuta a Salerno presso la Camera di Commercio.

A “Cibus Fruit and Vegetables” parteciperà tutta la filiera, dalle organizzazioni dei produttori ai Consorzi di Tutela fino alle cooperative di distribuzione e ai top buyers del segmento. La nuova spazio area ospiterà anche convegni e workshop sui rapporti tra produttori e Grande Distribuzione italiana e internazionale, e su tutte le tematiche attuali del comparto. “Il settore da tempo avvertiva la necessità di avere un suo spazio riconoscibile tra le eccellenze del food and beverage italiano delle quali sta diventando spesso fattore abilitante come dimostrano i prodotti DOP/IGP e di Filiera – ha detto Antonio Cellie, ceo di Fiere di Parma – A Cibus i produttori ortofrutticoli italiani potranno interloquire con la distribuzione e l’industria nazionale e internazionale in un contesto altamente qualificato e qualificante come Cibus, dando un segnale di maturità e consapevolezza sul loro ruolo nell’ambito del Food Made in Italy”.

“L'Italian Fruit Village promuove, da anni, il prodotto fresco italiano in importanti eventi internazionali – ha dichiarato Emilio Ferrara, Presidente del Consorzio Edamus - L’accordo raggiunto con Fiere di Parma segna un importante punto di svolta in Italia. Una scelta che premia i nostri sforzi a favore di un comparto che vuole essere protagonista delle fiere alimentari internazionali dedicate al food made in Italy e non relegato in fiere settoriali locali. Siamo anche fieri che la presentazione di questa novità sia stata fatta a Salerno, un ulteriore segnale di inclusività e apertura da parte di Cibus che riconosce al Sud Italia l’importante ruolo svolto nel settore agroalimentare”.

Massimo Giansanti, Presidente di Confagricoltura, ha commentato: “Lo sviluppo del comparto passa anche per un’adeguata presenza all’interno delle manifestazioni fieristiche. Il sistema agricolo italiano è una componente fondamentale dell’offerta alimentare del nostro Paese e, come tale, deve essere tra le protagoniste dei principali appuntamenti dedicati al Food made in Italy. Per questo motivo riteniamo strategica la decisione di Fiere di Parma, in collaborazione con l’Italian Fruit Village, di dedicare una sezione di Cibus al prodotto fresco”.

Alla conferenza stampa,, moderata da Gioacchino Bonsignore, Tg5 Mediaset hanno portato i saluti: Andrea Prete – Presidente Camera di Commercio di Salerno, Nicola Calzolaro, Direttore Generale di Federale. Sono intervenuti: Raffaele Amore - Cristiano Fini – Presidente Campania Cia Agricoltori Italiani; Rosario Rago, Giunta nazionale di Confagricoltura; Vito Busillo - Presidente Coldiretti Salerno e Presidente del Consorzio della rucola della Piana del Sele; Gennaro Velardo - Presidente Italia Ortofrutta; Nicola Caputo – Assessore Agricoltura Regione Campania.

articolo pubblicato il: 20/09/2022