attualità scientifica
estinzione in agguato

Stando alle ricerche condotte dalla IUCN, unione mondiale per la conservazione delle specie, oltre undicimila specie, tra piante e animali, sono a rischio di estinzione, in un futuro piuttosto prossimo, a causa delle attività umane; un quarto dei sistemi biogeografici terrestri è stato completamente trasformato dall'azione dell'uomo ed un altro quarto è stato parzialmente modificato. Escludendo l'Antartide ed i deserti (più di un quinto della terre emerse), solo il 30 per cento della terra è più o meno intatto, una percentuale in continua discesa a causa della deforestazione. Tra le specie minacciate si incontrano un quarto dei mammiferi ed un ottavo degli uccelli. Gli ambienti con il maggior numero di specie (animali e vegetali) minacciate di estinzione sono i boschi pluviali tropicali, sia in pianura che in montagna. L'habitat di fiumi e laghi è particolarmente a rischio, contenendo diverse specie di pesci, rettili, anfibi e invertebrati. Dal 1996 al duemila le specie di primati a rischio sono aumentate da tredici a diciannove, quelle di albatros da tre a sedici e per quanto riguarda le tartarughe d'acqua dolce da dieci a ventiquattro.

La UICN ha compilato una lista rossa di specie minacciate che spaventa ancora di più considerando che le ricerche hanno preso in esame solo una piccola percentuale dell'esistente. Per quanto riguarda le piante è stato preso in esame solo il quattro per cento di quelle scientificamente registrate; da questo limitato esame ben 5611 specie risultano a rischio, per cui, ad una analisi più approfondita, la lista salirebbe facilmente ai livelli di quella degli animali (oltre 18mila tra specie e sottospecie in via di estinzione). La lista rossa distingue tra due livelli, il pericolo critico ed il pericolo semplice. Tra il 1996 e il 2000 molte specie di mammiferi e di uccelli sono passate dal livello di pericolo semplice a quello di pericolo critico ed altre, che sei anni fa erano relativamente diffuse, sono state iscritte nella lista. Fra le specie in estinzione vi è la lince iberica, una particolare lince di cui vivono solo duecento esemplari e ormai solo in Andalusia, il cammello battriano silvestre, oggetto di spietata caccia in Cina, un tipo di antilope dell'Asia centrale ed è "in buona posizione" il tuffatore del Titicaca, un uccello che vive tra il Perù e la Bolivia.

Per quanto riguarda la lince iberica, si tratterebbe della prima specie di gatto selvatico ad estinguersi in duemila anni.