periodico di politica e cultura 12 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: ai Giardini della Filarmonica Romana di Roma

Fake

Lunedì 31 luglio, la rassegna I Solisti del Teatro, accoglie Lorenzo Balducci, protagonista dello spettacolo “Fake”, scritto da Riccardo Pechini insieme a Mariano Lamberti, quest’ultimo autore e regista dell’opera, con musiche a cura di Andrea Albanese. Un riflettore acceso sul mondo dello spettacolo, sulla vita degli attori, ma anche una riflessione sulla nostra “recita” nei social, con identità fittizie da mostrare al mondo. Partendo dal celebre paradosso di Orson Wells: “gli italiani sono 50 milioni di bravi attori nella vita, ma pessimi sullo schermo”, lo spettacolo “Fake” prenderà di mira il mondo dello spettacolo e in particolar modo la picaresca vita degli attori e di tutte le numerose categorie che costellano questa galassia: gli onnipresenti, i raccomandati, i “cani”, i caratteristi a vita, i sopravvalutati, gli egomaniaci e via dicendo.

Con il suo inimitabile stile da performer, Lorenzo Balducci ci condurrà attraverso il grottesco mondo dei provini, dei set televisivi, degli immancabili capricci delle "dive", delle produzioni scalcinate, con i cestini preparati dalla mamma del regista e soprattutto, della vita precaria degli attori più giovani che, malgrado il talento, non essendo "amichetti" di qualcuno, sono condannati ad essere relegati a un paio di pose in fiction di quart'ordine (e tuttavia non mollano). “Fake” vuol essere anche una riflessione su ciò che ormai ci sia rimasto di autentico e spontaneo, ossessionati come siamo nel "recitare" noi stessi sui social, creandoci delle vere proprie identità fittizie da mostrare al mondo. Un paradosso ancor più evidente per un attore, capace magari di piangere lacrime vere su un set e finte nella vita. Infine, come nel precedente successo, “Allegro, non troppo”, il nuovo spettacolo sarà un’occasione per Lorenzo di raccontare il suo percorso umano e professionale. A cominciare dal suo coming out pubblico, che gli chiuse numerose porte (ragion per la quale, molti attori tengono gelosamente nascosta la propria omosessualità, fingendo flirt o addirittura sposandosi con la starlette di turno). Anche qui, come in ‘Allegro’, Balducci non si farà sconti, raccontando tutta la verità. Il suo inizio come attore molto richiesto, poi travolto da una serie di scandali familiari che lo fecero diventare una sorta di reietto, soprattutto per le raccomandazioni, fatte spesso a sua insaputa, che lo imposero in alcune produzioni. Da qui la sua scelta di ripartire da zero, facendo il cameriere in un ristorante (lavoro che svolge tutt'ora), rinascendo come essere umano, finalmente libero ed autentico e poi come artista, con l'invenzione di un personaggio gender fluid che spopola nei social e ne decreta il successo a teatro. Lo spettacolo sarà raccontato anche attraverso coreografie e musiche, nello stile dei musical di Broadway, scritte appositamente per lo show.

Info e prenotazioni: Giardini della Filarmonica Romana_ Via Flaminia,118 (Piazza del Popolo) Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21:30 e-mail: teatronovantuno@gmail.com tel.: 3807862654 www.isolistidelteatro.it Biglietti: Intero 15 euro - Ridotto 13 euro (età under 25, over 65) Gruppi minimo 6 persone: 10 euro Orario botteghino: 18:30-22:00 Ristorante: L'ingresso è libero e aperto a tutti dalle ore 18

articolo pubblicato il: 28/07/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy