periodico di politica e cultura 20 maggio 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Marconi di Roma

Storia d’incroci e d’anarchia

Debutta a Roma il 6 luglio al Teatro Marconi, nell’ambito del Marconi Teatro Festival, Storia d’incroci e d’anarchia, monologo scritto e interpretato da Veronica Milaneschi, con la regia di Patrizio Cigliano.

Siamo in una Roma contemporanea, dei nostri giorni, e una donna si arrabbia, contro se stessa, contro la sua famiglia e la società. Ma c’è un particolare: si sente un’erinni moderna chiamata dalle divinità più potenti dell’Olimpo per punire gli uomini per le loro nefandezze. Invece di andare in giro sul carro di Apollo, si muove con “Cesare Augusto” il suo motorino: “senza parabrezza, senza casco, senza freni...‘na pazza”.

È un grande circolo vizioso da cui la nostra eroina non uscirà mai. Con ironia e sincerità, attraverso mille dialetti e stili recitativi diversi si viene condotti per mano tra le strade più belle di Roma, dove molte cose ci sono ancora da scoprire. Dal Mosè Ridicolo, alla storia di Righetto, passando per casa di Nino Manfredi e Mastroianni, senza scordare Albertone, e poi la Roma razionalista, quella Umbertina, il quartiere Coppedè fino al Vaticano, e qui ci saranno delle sorprese.

La rabbia come motore pulsante di un essere umano che si specchia in una città che vorrebbe essere sempre più veloce ma che si trova bloccata nel traffico tra le macchine. E il traffico, gli incroci e le macchine sono proprio gli elementi con cui si gioca in questo spettacolo: spunti comici danno vita a momenti esilaranti e surreali. Una storia ambientata a Roma, ma che può essere immaginata in qualunque città d’Italia.

“Storia d’incroci e d’anarchie è uno spettacolo “da attrice”, su un testo esilarante, irriverente, ma anche cólto e pieno di riferimenti altissimi” annota il regista Patrizio Cigliano. “Uno spettacolo dal ritmo vertiginoso, che solo un’attrice con una grande tecnica e una forte personalità, può affrontare, assecondando l’ironia, la provocazione, il paradosso, la veracità e la straordinaria comicità di un testo pieno di sfaccettature. Un riuscito “gioco” teatrale, perché questo è Teatro , e non Cabaret.”

Teatro Marconi_ Viale Guglielmo Marconi, 698/E Ingresso con biglietto a € 16, ridotto € 13, under18 € 5 Info e biglietteria - 06 5943554 - info@teatromarconi.it Acquista online su www.bigliettoveloce.it oppure sull’app del Teatro Marconi

articolo pubblicato il: 23/06/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy