periodico di politica e cultura 13 aprile 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: alla Chiesa dell’Annunziata di Pesaro ed al Teatro Pergolesi di Jesi

Per la vita

Scritto e diretto da Francesca Garolla, vincitrice Premio Valeria Moriconi. Futuro della Scena 2022, e interpretato da Viola Graziosi, Per la vita è un lavoro che nasce all’interno di una trilogia che indaga il tema della libertà e arriva in scena in forma di “cantiere aperto” al termine di una residenza di allestimento alla Chiesa dell’Annunziata di Pesaro sabato 20 maggio e in forma di “primo studio” al Teatro Pergolesi di Jesi domenica 21 maggio.

I due appuntamenti sono proposti nel cartellone di TeatrOltre, festival regionale ideato e realizzato all’insegna della multidisciplinarietà dall’AMAT con, tra gli altri, i Comuni di Pesaro e Jesi e la Fondazione Pergolesi Spontini, un palcoscenico ampio per le più importanti esperienze dei linguaggi contemporanei.

A Jesi, giovedì 18 maggio alle ore 18 presso le Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi, lo spettacolo sarà preceduto dall’incontro con Francesca Garolla nell’ambito del progetto Essere Spettatore a cura di Pierfrancesco Giannangeli. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti disponibili con prenotazione obbligatoria (0731 202944 - marketing2@fpsjesi.com).

“Per la vita, testo di cui presento oggi una prima tappa di lavoro e di studio, nasce all’interno di una trilogia sulla quale sto lavorando da diversi anni. Una trilogia – racconta Francesca Garolla - che indaga il tema della libertà in tre declinazioni: una libertà “assoluta” che non si interroga da un punto di vista etico o morale sulle conseguenze delle proprie azioni (Tu es libre), una libertà che invece tocca il tema della responsabilità, individuale, collettiva e storica, nella sua eredità generazionale (Se ci fosse luce) e, in Per la vita, una libertà “rifiutata”, evitata, negata a se stessi consapevolmente. Per la vita riflette su come si possa accettare, se non desiderare, una condizione di prigionia, reale o mentale che sia. In scena una donna, sola, sembra obbedire alla volontà di qualcun altro, ad una madre-maman che “a fin di bene” l’ha relegata nella sua stanza, rendendola terrorizzata e disgustata dalla vita che accade fuori dalle sue finestre, costretta, imprigionata in affermazioni, regole e limiti. Ma è quando la madre scompare – è poi mai davvero esistita? – che comprendiamo come la protagonista stessa non voglia davvero liberarsi. È nella sua prigione – che ha voluto, immaginato, abitato – che trova la sua libertà”.

Testo e cura della mise en espace sono di Francesca Garolla, aiuto regia Alan Alpenfelt, ricerca sonora Emanuele Pontecorvo, l’abito di scena è una creazione di Tina Sondergaard, produzione 369Gradi, in collaborazione con AMAT & Teatri di Pesaro, testo realizzato con il sostegno di La Chartreuse - Centre National des écritures du spectacle, Istituto Italiano di Cultura di Parigi.

La residenza di allestimento a Pesaro è realizzata nell’ambito di RAM Residenze Artistiche Marchigiane finanziate da MiC e Regione Marche. Biglietteria presso Teatro Sperimentale Pesaro 0721 387548 e Chiesa dell’Annunziata 334 3193717 il giorno dello spettacolo da un’ora prima dell’inizio, Teatro Pergolesi Jesi 0731 206888, AMAT e biglietterie circuito vivaticket. Inizio spettacoli: Pesaro ore 21, Jesi ore 17.

articolo pubblicato il: 16/05/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy