periodico di politica e cultura 22 febbraio 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Magnetto di Almese

Zona Franca

nella stessa sezione:
La nona edizione della rassegna Camaleontika di Almese prosegue con “Zona Franca” della compagnia Teatro C’art, spettacolo che affronta la pazzia come atto di ricchezza e libertà. La follia vista con gli occhi di una clown, prendendo spunto dalla vita di Anna - donna che ha vissuto nel quartiere Borgo Dora di Torino, conosciuta da tutti e in maniera affettuosa come “Anna la pazza” - attraverso interviste realizzate a persone a lei vicine, come lo psichiatra che la seguiva, il vicino di casa e i commercianti del Balôn. Organizzata da M.O.V. e FABULA RASA in collaborazione con Piemonte dal Vivo, Camaleontika propone spettacoli di teatro, danza e musica, proponendo al pubblico comicità, bellezza, emozioni, riflessioni e impegno civile, verso l’aggregazione, la condivisione e l’accettazione del diverso da sé.

CAMALEONTIKA è la rassegna teatrale organizzata dall’associazione M.O.V. – Moderne Officine Valsusa e dalla compagnia Fabula Rasa ad Almese (TO), comune della bassa Valle di Susa, in collaborazione con Piemonte dal Vivo e grazie al sostegno del Comune di Almese. La direzione artistica è a cura di Beppe Gromi, insieme a Katia Bolognesi, Francesca Zitti e Valeria Fioranti. Il quinto appuntamento del 15 aprile alle ore 21:00 porta sul palco del teatro valsusino “Zona Franca”, spettacolo di e con Federica Mafucci, regia Andrea Casaca e produzione Teatro C’art. Lo spettacolo ha vinto il primo premio al Festival di Teatro Contemporaneo CrashTest di Valdagno 2020. Liberamente ispirata a una donna realmente esistita, Franca rappresenta la maschera clownesca triste, malinconica e buffa, animalesca e dionisiaca della vita. Zona Franca è vivere la follia come atto di libertà. È il territorio dove vivere la propria follia come atto di libertà. Un luogo dove venire trasportati all'interno di un mondo libero e fantasioso, ma con la profondità di una vita difficile e incerta, quella di Franca. Grazie al suo sguardo autentico e profondo, attraverso gags e racconti esilaranti, esprimendosi con il lirismo magico della semplicità, Franca racconta "storie di ordinaria follia" giocando con il divertimento e il dramma del vivere quotidiano, in modo da portare il pubblico dentro un vortice di sensazioni familiari da condividere ed esorcizzare attraverso la comicità. Zona Franca denuncia un modo di vivere che ha perso di vista la semplicità della dimensione umana sottolineando la povertà di senso di certi comportamenti ritenuti “normali” per afferrare, invece, la ricchezza di “certe stranezze” in modo da portare il pubblico dentro un vortice di sensazioni familiari da condividere ed esorcizzare attraverso la comicità.

Federica Mafucci si è ispirata ad Anna Camillini, donna che ha vissuto nel quartiere Borgo Dora di Torino, morta nel 2018 e conosciuta da tutti, in maniera affettuosa, come “Anna la pazza” o “Annina”, la ballerina del Balôn. La ricerca di informazioni sulla vita di Anna per la costruzione del personaggio è avvenuta tramite interviste realizzate a persone a lei vicine, come lo psichiatra che la seguiva, il vicino di casa e i commercianti del quartiere di Borgo Dora di Torino, quartiere dove Anna viveva. Molti consideravano Anna come il fulcro vitale del Balôn. Grazie alle sue buffe movenze e alle danze scatenate, era diventata una sorta di mascotte del quartiere, partecipava alle manifestazioni pubbliche e dovunque ci fosse musica iniziava a ballare. Nel 2014, la sua fama raggiunse addirittura un livello internazionale, quando apparve in un video musicale del celebre P. Diddy (ex Puff Daddy), che la descrisse come “una nonna infinitamente cool”.

Federica Mafucci nasce ad Arezzo nel 1986. Inizia la sua formazione teatrale nel 2010. Consegue il diploma in arte del teatro fisico all'Atelier teatro fisico di Philip Radice dove trova la possibilità di sperimentare e mettere in pratica numerose tecniche artistiche ed espressive. Emerge sempre più il lato comico e clownesco della sua personalità, messo a totale disposizione dei personaggi da lei creati. Federica nutre un forte interesse per la danza, per la musica e il canto, che le permette di sperimentare durante le sue performances modi espressivi eterogenei, in cui viene sempre sottolineata l’importanza della comicità e della fisicità nella definizione della scena e dei personaggi.

15 aprile 2023 - ore 21:00 “Zona Franca” di e con Federica Mafucci, produzione Teatro C’art, regia Andrea Casaca Teatro Magnetto, via Avigliana 17, ALMESE (TO)

Biglietto intero a 12 euro da ritirare presso la biglietteria del teatro a partire dalle ore 20:00 con prenotazione consigliata al numero 3348785494 o all’indirizzo rassegnacamaleontika@gmail.com Biglietto ridotto speciale di 2 euro per i soci di Fabula Rasa e M.O.V. Moderne Officine Valsusa I biglietti si possono acquistare anche online in https://ticketitalia.com/teatro/teatro-magnetto-almese-to

articolo pubblicato il: 04/04/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy