periodico di politica e cultura 13 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

libri: Anna Porchetti

Amatevi finche’ morte non vi separi

Ha ancora senso sposarsi o è meglio prendersi un cane, un gatto, un porcellino d’India? La tesi del libro è che sposarsi sia sensatissimo e richieda due grandi alleati: la fede in Dio e fiumi di ironia. Grazie all’ironia, una moglie può ridere di tutto e soprattutto di se stessa e delle sue scoperte, come il potere salvifico delle uova, non tanto per l’anima, quanto per gli affamatissimi familiari, quando è tardi e non c’è niente di immediatamente commestibile per cena. L’autrice, malgrado la sua vita sconclusionata, in cui fa il bucato di notte e nei week end, manco fosse un hobby, ha scoperto il segreto della felicità coniugale e da allora va ripetendolo a tutti: «Amatevi finché morte non vi separi». Per riuscirci, sconsiglia di perdere tempo aspettando il principe azzurro o Mr Giusto e invece incoraggia ad arruolare alla causa del matrimonio un brav’uomo, ovvero un classico esemplare maschile, capace di fare una sola cosa per volta, di dire sempre la frase sbagliata e di non trovare mai niente nei cassetti, ma disposto a farsi muro, per proteggere sua moglie e amarla come la propria carne. Per contribuire alla riuscita del matrimonio si consigliano alle mogli un regolare training di esercizi di perdono e tecniche di accoglienza e allenamento alla gratitudine, accettando di passare sopra al fatto che il marito non sia perfetto. Se Dio si è fidato abbastanza degli sposi da fargli amministrare il sacramento del matrimonio, a loro spetta fidarsi di Lui, che li ha abbinati per la loro felicità, confidando che sarebbero riusciti a tenere tutto insieme.

Anna Porchetti. Coltivatrice di sogni nel cassetto. Moglie imperfetta e felice, mamma di 3 adolescenti implacabili. Fan dell’amore e del matrimonio. Di notte e nei weekend faccio la lavatrice (ma non è un hobby). Se mi vedi bisbigliare, non sto parlando da sola, ma pregando. Se mi vedi correre, non provare a fermarmi: probabilmente sto andando a Messa e sono già in ritardo. Scrivo e compro scarpe, ma posso smettere quando voglio. Autrice di: “Amatevi finché morte non vi separi” (Effatà, 2022).

Anna Porchetti

Amatevi finche’ morte non vi separi
Il matrimonio: scelta per uomini coraggiosi e donne veramente libere

Effatà

articolo pubblicato il: 11/03/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy