periodico di politica e cultura 21 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Lo Spazio di Roma

La Gabbia

nella stessa sezione:
Approda al Teatro Lo Spazio, il 7 e l’8 marzo, La gabbia, spettacolo di Massimiliano Frateschi, diretto da Massimiliano Vado. “La Gabbia” è un testo a due di teatro contemporaneo. Racconta alcune condizioni mentali che si presentano nel nostro inconscio quando proviamo a nascondere ciò che siamo. Una metafora, quella dei due protagonisti, la cui gabbia è la loro malattia mentale, che racconta quelle più comuni che ci bloccano nella corsa verso i nostri obiettivi. Un sonnambulo, lucido di giorno, ma non di notte, ha ucciso la moglie nel sonno, l’altro invece soffre di allucinazioni psicotiche e cambia versione dei fatti ogni volta che parla della sua vita privata. Un viaggio all’interno di una gabbia non solo fisica, ma mentale, dalla quale sembra impossibile scappare, con dialoghi apparentemente insensati e veloci che vibrano di paure e trovano sempre un giro di volta nel senso per questi due personaggi. Loro sognano un futuro migliore. Noi con loro. Ambientato interamente in una cella d’isolamento di un luogo non specificato, La Gabbia sottolinea che spesso i difetti più tragici ci bloccano in uno stato di fermo assoluto e racconta un mondo distrutto da una catastrofe dove, forse, le persone sono contente di questo stato di distruzione, poiché è dallo stato di distruzione che si può ricominciare da zero. “Misurarsi con l’ impercettibile, sfidando la comprensione di diversi piani di lettura che si intrecciano con una realtà in cui si sfogano eventi apocalittici; colpe personali che si pagano con vie crucis verbali, conversazioni semplici che nascondono strati di abulia e insoddisfazione, eccessi di rabbia che nascondono verità molteplici. Nella gabbia di un carcere, si sommano questi ed altri elementi, spingendo chiunque ci capiti dentro a fare i conti, oltre che con il tempo che passa, anche con le colpe della propria coscienza_ annota il regista Massimiliano Vado. “ È una linea di destino che ci spinge al limite, ci mette alla prova, come attori e come regista, oltre che come persone, perché la sfida lanciata a se stessi ha bisogno del conforto di essere raccolta. Si osa passando per l’umano, ci si rinchiude, ostentando fragilità, ci si misura come uomini sapendo che il risultato non sarà mai scontato. In fondo non siamo qui solo per passare il tempo; in teatro alcuni minuti sembrano anni.”

La gabbia Di Massimiliano Frateschi Regia Massimiliano Vado Con Massimiliano Frateschi e Fabrizio Traversa Disegno luci: Roberto Di Maio Costumi: Tiziana Massaro Assistente produzione e distribuzione: Beatrice Picariello Foto: Bianca Hirata Produzione: La Gabbia Teatro

7-8 marzo Teatro Lo Spazio-Roma

Biglietti: 15 euro – ridotto: 12 euro (bar aperto per aperitivo dalle 20.00) Teatro Lo Spazio Via Locri 43, Roma informazioni e prenotazioni 339 775 9351 / 06 77204149 info@teatrolospazio.it

articolo pubblicato il: 01/03/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy