periodico di politica e cultura 21 giugno 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Magnetto di Almese

Settanta volte sette

nella stessa sezione:
La nona edizione della rassegna Camaleontika di Almese prosegue con “Settanta volte sette” della compagnia Controcanto Collettivo, spettacolo vincitore de “I Teatri del Sacro 2019” che affronta il tema del perdono e della possibilità che il dolore inflitto e il dolore subito parlino una lingua comune, che l’empatia non sia solo un’iperbole astratta e che l’essere umano, che conosce il contagio del riso e del pianto, dietro la colpa possa ancora riconoscere l’uomo e cercare l’incontro. Organizzata da M.O.V. e FABULA RASA in collaborazione con Piemonte dal Vivo, Camaleontika prevede spettacoli di teatro, danza e musica, proponendo al pubblico comicità, bellezza, emozioni, riflessioni e impegno civile, verso l’aggregazione, la condivisione e l’accettazione del diverso da sé.

CAMALEONTIKA è la rassegna teatrale organizzata dall’associazione M.O.V. – Moderne Officine Valsusa e dalla compagnia Fabula Rasa ad Almese (TO), comune della bassa Valle di Susa, in collaborazione con Piemonte dal Vivo e grazie al sostegno del Comune di Almese. La direzione artistica è a cura di Beppe Gromi, insieme a Katia Bolognesi, Francesca Zitti e Valeria Fioranti. Il quarto appuntamento del 5 marzo alle ore 21:00 porta sul palco del teatro valsusino “Settanta volte sette”, spettacolo della compagnia Controcanto Collettivo e produzione di Progetto Goldstein, con ideazione e regia di Clara Sancricca che recita in scena insieme a Federico Cianciaruso, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella e Emanuele Pilonero.

Lo spettacolo racconta la vita di due famiglie i cui destini s’incrociano in una sera. Racconta del rimorso che consuma, della rabbia che divora, del dolore che lascia fermi, del tempo che sembra scorrere invano. Eppure racconta anche la possibilità che il dolore inflitto e il dolore subito parlino una lingua comune, che l’empatia non sia solo un’iperbole astratta e che l’essere umano, che conosce il contagio del riso e del pianto, dietro la colpa possa ancora riconoscere l’uomo.

Note di regia di Clara Sancricca:
Con Settanta volte sette il nostro collettivo affronta il tema del perdono e della sua possibilità nelle relazioni umane. Nella sua gloriosa storia questo concetto ci sembra essere giunto ad un inglorioso epilogo, che lo vede soccombere alla logica - attualmente vincente - della vendetta. Un tempo ritenuto il punto di arrivo di un percorso destinato a pochi spiriti eletti, appare oggi, nell'opinione comune, come il rifugio dei più codardi e la scappatoia dei meno arditi, in una società che riconosce e accorda alla vendetta il primato nella risoluzione dei torti e dei conflitti. Chi perdona sembra sminuire il torto, giustificare l’offesa, mancare di rispetto alla vittima, farsi complice del colpevole. Eppure il perdono protesta per innescare pensieri diversi, per aprire a logiche nuove; protesta contro l’assunto che al male vada restituito il male. Ci ricorda che dentro la ferita, dentro la memoria del male subito e al di là di ogni convenienza, esiste la possibilità di un incontro. E che questa possibilità non ci sfida dall’alto dei cieli, ma è concreta, laica e umana.

Controcanto Collettivo nasce nel 2011 come naturale proseguimento di un laboratorio avviato dalla regista Clara Sancricca con alcuni componenti dell’attuale compagnia. Prima produzione del collettivo è NO – una giostra sui limiti dei limiti imposti, che debutta nel 2013 e vince il premio della critica al Roma Fringe Festival 2014. Nel 2016 vede la luce Sempre Domenica, vincitore di In-Box 2017 e miglior spettacolo al festival Dominio Pubblico 2018. Ispirato al tema del lavoro, in due anni ha maturato oltre novanta repliche ed è stato ospitato in importanti festival e rassegne. Dal 2017 il collettivo ha lavorato alla creazione di Settanta volte sette, grazie al sostegno di Verdecoprente Re.Te. e in co-produzione e residenza presso Murmuris, Straligut e ACS Abruzzo Circuito Spettacolo. Lo spettacolo ha debuttato nel 2019, come vincitore della sesta edizione de “I Teatri del Sacro”.

5 marzo 2023 - ore 21:00 Teatro Magnetto, via Avigliana 17, ALMESE (TO)

Biglietto intero a 12 euro da ritirare presso la biglietteria del teatro a partire dalle ore 20:00 con prenotazione consigliata al numero 3348785494 o all’indirizzo rassegnacamaleontika@gmail.com Biglietto ridotto speciale di 2 euro per i soci di Fabula Rasa e M.O.V. Moderne Officine Valsusa I biglietti si possono acquistare anche online in https://ticketitalia.com/teatro/teatro-magnetto-almese-to

In programma tra il 14 gennaio e il 27 maggio 2023 al Teatro Magnetto, questa nona edizione di Camaleoontika è vincitrice del bando Corto Circuito di Piemonte dal Vivo e prevede un totale di sette appuntamenti al Teatro Magnetto con l’obiettivo di continuare ad alimentare l’apertura del territorio verso l’arte e la socialità, con la convinzione che l’umanità del teatro, i linguaggi corporali della danza e il potere naturale della musica possono donare importanti momenti di divertimento e riflessione, aprendo alla socialità e al rispetto delle diversità. La rassegna prosegue il cammino intrapreso nove anni fa, in maniera camaleontica, fra teatro, danza e musica, proponendo al pubblico comicità, bellezza, emozioni, riflessioni e impegno civile, verso l’aggregazione, la condivisione e l’accettazione del diverso da sé.

Camaleontika proseguirà il 15 aprile portando in scena il teatro fisico e la clownerie di “Zona Franca” con Federica Maffucci e regia di Andrè Casaca, Il 6 maggio è in programma la danza di “Concept#1” del Balletto Teatro di Torino e si terminerà il 27 maggio con “Oro Nero”, nuova produzione della compagnia Fabula Rasa che prosegue il progetto “Black Fabula” nato nel 2015, con in scena l’attore africano Alassane Conde, sette ballerine del progetto Afrorì e tre musicisti.

Il programma completo è visionabile in www.teatromagnetto.it

articolo pubblicato il: 26/02/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy