periodico di politica e cultura 22 febbraio 2024   |   anno XXIV
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

musica: al Teatro Vittoria di Torino

Raiz ed i Radicanto

Nel variegato cartellone dell’Unione Musicale ritroviamo anche per questa stagione la serie DISCOVERY, sei concerti che esplorano repertori diversi, dal pop alla world music, andando oltre quelle barriere che rendono spesso troppo rigida e forzata la divisione fra i generi. «Anche se sono un musicista di formazione classica, – afferma Antonio Valentino, direttore artistico dell’Unione Musicale – amo da sempre ascoltare ed eseguire altri repertori. Con la serie Discovery vogliamo spingere il nostro pubblico oltre i confini della classica, sicuri che insieme scopriremo musicisti e musiche sorprendenti».

Il primo concerto di martedì 17 ottobre 2023 (Torino, Teatro Vittoria - ore 20) vede protagonista Raiz, poliedrico artista e storica voce della band napoletana Almamegretta, oggi noto al grande pubblico anche per la sua partecipazione alla fiction Mare Fuori (come attore nei panni di don Salvatore Ricci e come autore delle canzoni che costituiscono la colonna sonora). Con lui i Radicanto, gruppo musicale di Bari che si dedica con passione a rivitalizzare la tradizione folklorica attraverso un approccio originale e moderno. Raiz e l’ensemble pugliese collaborano da molti anni e insieme hanno realizzato progetti che indagano il vasto repertorio di musiche popolari del Mediterraneo, presentandolo in versioni nuove, aperte a ogni tipo di contaminazione e capaci di creare stimolanti relazioni tra passato e presente.

Il programma che eseguono a Torino proviene parzialmente dal loro secondo album, Neshama del 2018, ispirato ai canti sefarditi, ovvero della popolazione ebrea vissuta in Spagna fino alla fine del Quattrocento e poi dispersa nelle varie sponde del Mediterraneo, dal Nord Africa alla Grecia, dall’Italia alla Turchia. Neshama, che in ebraico significa “anima”, esalta la continuità spirituale di quella tradizione culturale che, dopo la diaspora, continuò ad arricchirsi con nuove suggestioni. Accanto a tesori dell’eredità sefardita gli artisti propongono anche pezzi originali come Nun te scurdà, una delle canzoni più iconiche di Raiz e oggi ormai considerata un classico napoletano, e Catene, nata come ballad techno degli Almamegretta e qui riproposta con un sound andaluso che mette in evidenza la fonte d’ispirazione originale.

In questa nuova stagione le serate della serie Discovery si arricchiscono di un aperitivo prima del concerto (ore 19.30) servito nel foyer al primo piano del Teatro Vittoria e incluso nel costo del biglietto. Gli aperitivi sono serviti da Locanda Leggera, primo locale a rifiuti zero d’Italia, per una proposta nel segno della sostenibilità.

articolo pubblicato il: 13/10/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy