periodico di politica e cultura 29 gennaio 2023   |   anno XXIII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Lo Spazio di Roma

Daimon

In un freddo e ventoso autunno romano, lo psicanalista e filosofo James Hillman percorre la strada lastricata di foglie che dal lungotevere conduce alla Piramide Cestia, dove è seppellito il poeta inglese John Keats, colui che egli stesso considera la propria nobile guida: il daimon, una presenza divina incaricata di portare a compimento il disegno superiore che l'anima di ognuno di noi ha scelto prima di nascere e di cui si è dimenticato nel momento in cui è venuto al mondo.

Un incontro allo stesso tempo reale e sovrannaturale, che diviene ricerca della propria vocazione come memoria di qualcosa di indefinito che durante l’esistenza non si riesce ad afferrare e che fa sentire sempre incompiuti. Hillman riprende il concetto di Keats della poesia intesa come “fare anima”, intendendo uno sforzo nella comprensione di sé stessi al fine di acquisire una propria singolare identità e, ovviamente, la giusta collocazione nel mondo.

La trama del racconto di Vanacore si dipana tra poesia musica e arte, in una scenografia essenziale: pochi elementi che sembrano emergere dalla sabbia o sospesi tra le onde del mare, quell’oceano infinito che bagna Atlantic City da cui riemergono i primi ricordi d’infanzia. Fanno da sfondo numerose videoinstallazioni: opere astratte dai colori brillanti e contrastanti che verranno proiettate sullo schermo, realizzate dall'artista Roberto Rinaldi, che daranno forma alla parola seguendo il filo della narrazione, della musica, e dell'arte.

Una narrazione contrappuntata da brevi picchi poetici su brandelli lirici dello stesso Keats, evocati dalla voce di Leo Gullotta. Alcune tra le più suggestive canzoni di Franco Battiato e Giuni Russo, cantate dal vivo da De Feo sugli arrangiamenti di Alessandro Panatteri, delineano il percorso più intimo e sottile di questo viaggio dell’anima, all’ombra della luce.

Lo spettacolo sarà replicato sabato 12 febbraio ai Magazzini Teatrali di Velletri (via San Crispino, 18) con inizio alle ore 17,30.

Daimon – L’ultimo canto di John Keats

di Paolo Vanacore diretto e interpretato da Gianni De Feo con l’amichevole partecipazione in voce di Leo Gullotta arrangiamenti musicali di Alessandro Panatteri videoarte Roberto Rinaldi Produzione Ipazia Production Ufficio Stampa Andrea Cavazzini, Francesca Siciliano Da mercoledí 2 a domenica 5 febbraio 2023

Teatro Lo Spazio Via Locri, 42 – Roma

Orari spettacoli Da mercoledì a sabato ore 21/domenica ore 18,00 Biglietti: intero:15 euro – ridotto: 12 euro (bar aperto per aperitivo dalle 20.00) informazioni e prenotazioni 339.775.9351 / 06 77204149 info@teatrolospazio.it

articolo pubblicato il: 24/01/2023

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy