periodico di politica e cultura 6 ottobre 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

copertina: tournée in Umbria

La Tragédie de Carmen


nella stessa sezione:
La nuova produzione della Tragédie de Carmen – andata in scena in anteprima nel mese di agosto a Spoleto – sarà nuovamente allestita, in occasione della Stagione Lirica Regionale 2022, all’Auditorium San Domenico di Foligno [mercoledì 21 settembre, ore 20.30], al Teatro degli Illuminati di Città di Castello [giovedì 22 settembre, ore 20.30], al Teatro Comunale di Todi [venerdì 23 settembre, ore 20.30] e al Teatro Sergio Secci di Terni [sabato 24 settembre, ore 20.30].

Lo spettacolo è una rivisitazione della Carmen di Bizet, a cura di Peter Brook, Jean-Claude Carrière e Marius Constant. «La Tragédie de Carmen non è la Carmen di Bizet, ma un suo ricordo, se si vuole una fantasia o un sogno», afferma il Direttore artistico del TLS Michelangelo Zurletti. Lo spettacolo, infatti, nasce prima come adattamento in scena al Théâtre des Bouffes du Nord di Parigi nel 1981, poi come film musicale nel 1983. Si tratta, di fatto, di una scomposizione e ricomposizione della partitura di Bizet, compressa in ottanta minuti per enfatizzare il nucleo tragico della vicenda.

Il lavoro di regia di Alessio Pizzech – supportato dall’allestimento scenico di Andrea Stanisci, i costumi di Clelia De Angelis e le luci di Eva Bruno – si pone proprio in questa direzione. «È come se tutti i personaggi fossero esplosi nella mente di Don José, commenta il regista, in un gioco di specchi in cui ciascuno rappresenta uno specifico tratto dell’animo umano e una parte dell’altro. Vediamo ad esempio contrapporsi le due protagoniste femminili Micaela, ciò che ci viene detto di essere, e Carmen, ciò che non sappiamo di essere. L’uccisione di tutti i personaggi da parte di Don José è il nodo tragico della vicenda, in cui la morte è l’unica risoluzione possibile».

Il Maestro Carlo Palleschi – che celebra quest’anno i trent’anni dal suo debutto come Direttore d’orchestra, avvenuto proprio al Lirico Sperimentale – dirigerà l’Ensemble del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto.

Sul palcoscenico i cantanti vincitori o idonei dei Concorsi “Comunità Europea” per giovani cantanti lirici di Spoleto 2021 e 2022, oltre a quelli che la Direzione artistica ha selezionato tra i cantanti che si sono presentati alle audizioni e cantanti vincitori delle scorse edizioni: Veronica Aracri, Antonia Salzano e Tamar Ugrekhelidze saranno Carmen; Maria Stella Maurizi e Alessia Merepeza Micaela; Oronzo D’Urso e Carlo Eugenio Raffaelli Don José e Alfonso Michele Ciulla e Alberto Petricca Escamillo. Con loro, rispettivamente nelle parti di Zuniga, Lillas Pastia e Garcia, gli attori Matteo Prosperi, Valentino Pagliei e Raffaele De Vincenzi.

Le attività 2022 sono rese possibili grazie a Ministero della Cultura, Regione Umbria, Comune di Spoleto, Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini e grazie alla collaborazione della Provincia di Perugia e dei Comuni di Perugia, Città di Castello, Foligno, Terni e Todi. La 76ma Stagione Lirica Sperimentale di Spoleto e dell’Umbria gode del patrocinio di Rai Umbria.

FOLIGNO, Auditorium San Domenico | mercoledì 21 settembre 2022, ore 20.30
CITTÀ DI CASTELLO, Teatro degli Illuminati | giovedì 22 settembre 2022, ore 20.30
TODI, Teatro Comunale | venerdì 23 settembre 2022, ore 20.30
TERNI, Teatro Sergio Secci | sabato 24 settembre 2022, ore 20.30

articolo pubblicato il: 20/09/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy