periodico di politica e cultura 6 ottobre 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

libri: Antonio Taverna

I papiri di Galeno

di Carla Santini

Dopo il saggio “Il mercato avido”, Antonio Taverna ha intrapreso la strada del romanzo. A “Inquietudini” è seguito “I papiri di Galeno”. L’approccio stilistico evoca la tradizione naturalistica e in tempi moderni ad una sorta di pulp-action. Il lessico è accurato e puntuale; preciso il linguaggio tecnico e la scelta dei nomi degli attori è congruente all’ambientazione storica.

Immaginato nel VI secolo dopo Cristo, le vicende si sviluppano in un contesto ben definito ed in un’epoca storica precisa. Sullo sfondo dei profondi cambiamenti sociali, culturali, politici del tempo, il protagonista, Anacleto di Arpino, accompagnerà il lettore in un lungo viaggio che lo porterà sulle strade d’Africa e d’Europa, per mare e per terra. Anacleto, seguace di San Benedetto, su incarico dell’abate di Montecassino parte alla ricerca degli scritti di Galeno con l’intento di trovarvi i rimedi contro la terribile epidemia che sta sconvolgendo e uccidendo uomini, donne, bambini, ricchi e poveri.

Gli incontri di Anacleto con uomini e donne diventano spunti per affrontare tra dubbi e certezze, nonché curiosità, le questioni esistenziali dell’uomo nella sua peculiarità. Primi fra tutti la libertà individuale e il bene collettivo. A seguire, le diatribe tra religiosi di confessioni in antitesi fra di loro, tra medici e ciarlatani. Ma soprattutto emerge prepotente la questione ancora oggi irrisolta del rapporto più generale tra scienza e religione, colpisce anche il silenzio della chiesa e della politica sulla schiavitù, accettata come condizione naturale, al pari della guerra, delle razzie, della violenza, delle armi, intese come soluzione imprescindibile negli equilibri fra i popoli.

L’analisi e la descrizione di tempi lontani appaiono sovrapponibili ai nostri tempi, nei quali nulla è stato risolto delle grandi questioni della storia dell’umanità. Il viaggio è un vero e proprio viaggio di formazione. Anacleto cercherà di leggere dentro di sé per arrivare ad una scelta convinta della vita che vorrà vivere, se dedicarla interamente a Dio o creare una famiglia con Erminia e crescere il figlioletto Agostino. Il ricordo dei suoi affetti e la forza dei sentimenti lo porteranno ad una scelta di vita e di prospettiva nel futuro, così che abbraccerà la professione di medico.

Di Galeno aveva trovato scritti che si soffermavano soprattutto sulla deontologia e sui principi etici della professione. La forza dell’istinto di sopravvivenza negli uomini vince sulle più terribili malattie, sulle situazioni difficili, sulla carestia, sulle guerre e “il mondo non finirà domani”.

Antonio Taverna
I papiri di Galeno
Il mondo non finirà domani
ISBN: 9788892389823

articolo pubblicato il: 14/09/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy