periodico di politica e cultura 6 ottobre 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: festival italiano dell’identità a Jesi

Brand Festival


nella stessa sezione:
È dedicato ad un sorriso speciale, quello dell’imprenditore Martino Lombardi, lo smile blu del Brand Festival 2022, il simbolo che identifica il festival italiano dell’identità. L’associazione Brand Festival Ets, che cura la rassegna, ha voluto ricordare così un grande amico, tra i primi sostenitori dell’evento punto di riferimento del mondo della comunicazione della nostra città. Il festival torna in scena a Jesi dopo due anni di emergenza pandemica, dal 29 settembre al 5 ottobre, con la co-organizzazione dal Comune di Jesi, e main partner CNA e BCC Ostra Vetere.

Dal 2017 il Brand Festival è l’evento di discussione, confronto, dialogo e progettazione condivisa con i protagonisti del mondo della comunicazione, economico, finanziario e culturale italiano, sull’identità come valore per raggiungere i propri obiettivi personali, aziendali e territoriali. Per farlo è stato scelto un centro storico al posto di un centro congressi, e la provincia al posto delle grandi città, l’habitat perfetto per shakerare la cultura con il marketing, e il desiderio con il business, in un contesto molto coinvolgente.

Al centro della quinta edizione c’è il tema “Identità in movimento”, che attraversa le 7 giornate in altrettanti “focus”, con eventi da mattina a sera, tanti a partecipazione gratuita, altri di approfondimento con prenotazione e biglietteria: il 29 settembre è il giorno del “Creare sostenibile”, il 30 settembre c’è il “Fare branding in Italia”, il 1 ottobre “Apprendere e scoprire”, il 2 ottobre appuntamento imperdibile con il “Main event”, il 3 si parla di “Eccellenze future”, il 4 ottobre di “Identità plurali” e il 5 ottobre di “Paesaggi culturali”. Più di 75 gli appuntamenti, oltre 150 i relatori, 29 le location, e tanti i brand che si raccontano tra workshop, laboratori, convegni ed eventi, per un confronto a tutto campo sui cambiamenti sociali, culturali e politici in corso.

“In questi ultimi mesi – spiega Graziano Giacani, ideatore e presidente del Brand Festival - Zorro ha perso la sua zeta. O meglio, la zeta ha perso Zorro. In un batter d’occhio l’ha lasciato per salire sui mezzi blindati russi, trasformandosi da segno di giustizia a rappresentazione di guerra. Quanti simboli, parole, percezioni e abitudini sono cambiati? Come possono i brand governare il continuo cambiamento sociale, economico e culturale in atto, guidandolo verso l’inclusione e l’accettazione dell’altro? Abbiamo deciso di concentrarci sulle identità in movimento che crescono grazie al confronto con la diversità, ed in cui le differenze non sono fattore di divisione, ma terreno di nuove connessioni e relazioni. Perché chi si occupa di brand è particolarmente esperto nel tutelare la propria unicità. Mai come oggi abbiamo bisogno di brand che, oltre a racchiudere in sé forti valori, sappiano aprirsi al dialogo e al cambiamento in atto. Identitario, culturale e di mercato.

A raccontare le “Identità in movimento” saranno i più grandi esperti del settore, brand mondiali e realtà locali, manager, imprenditori, designer, creativi, digital specialist, università e professionisti da tutta Italia, tra loro Pierdomenico Garrone, Paolo Iabichino, Michelangelo Tagliaferri, Elio Carmi, Alessandro Ubertis, Maurizio di Robilant, Giuseppe Morici, Germano Lanzoni, Flavia Trupia, Andrea Fontana, Riccardo Scandellari, Mariano Diotto, Michele Mariani, Roberta La Selva, Remo Lucchi, Marianna Ghirlanda, Bruno Bertelli, Lidi Grimaldi, Francesco Morici, Roger Botti, Francesco Gallucci, Caterina Garofalo, Stefania Savona, Gian Guido Folloni.

articolo pubblicato il: 23/09/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy