periodico di politica e cultura 6 ottobre 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

musica: alla terrazza del Bosco di Villa Medici di Roma

Le parole delle canzoni

Nella suggestiva terrazza del Bosco di Villa Medici dal 20 al 24 settembre torna per il secondo anno successivo, nell’ambito della trentasettesima edizione di Romaeuropa Festival, l’appuntamento con Le parole delle canzoni, ideato dall’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani. Il format, nato sui social network di Treccani dove ha riscosso un grandissimo successo, racconta l’evoluzione della lingua italiana attraverso i testi della nuova generazione di artiste e artisti della scena musicale nazionale.

Quattro gli appuntamenti co-realizzati con Romaeuropa che vedono protagonisti i nomi più interessanti della scena pop/urban italiana confrontarsi con alcune tra le migliori firme del panorama letterario contemporaneo, dando vita a conversazioni intorno alla pratica della scrittura cantautorale.

A inaugurare il ciclo di appuntamenti il 20 settembre il dialogo tra Laila Al Habash, classe 1998, una delle migliori promesse musicali del momento, un sound fluido che si mescola a una scrittura raffinata - il suo primo album Mystic Hotel vanta già feat con Coez e collaborazioni con Niccolò Contessa, e Nadia Terranova - tradotta in tutto il mondo, autrice di romanzi come Addio Fantasmi (Einaudi 2018, finalista al Premio Strega 2019), Trema la notte (Einaudi 2022) e di diversi libri per ragazzi tra cui Aladino (Orecchio Acerbo 2020) e Il Segreto (Mondadori 2021 e Premio Andersen 2022).

Dal pop al rap di scuola romana, il 21 settembre Danno, tra i fondatori del celebre gruppo Colle Der Fomento, fondato a Roma nel 1994, ripercorre una pagina della storia della musica indagando l’attuale linguaggio del rap e della musica urban a Roma insieme all’icona del fumetto italiano, Zerocalcare, autore di opere oramai parte dell’immaginario di un’intera generazione, da La profezia dell’armadillo (Bao Publishing, 2014) fino alla serie targata Netflix Strappare lungo i bordi (2021) passando per Kobane Calling (2016), il reportage di Zerocalcare tra i difensori curdi del Rojava, Macerie prime (2017) e il più recente Niente di nuovo sul fronte di Rebibbia (2021). Terzo appuntamento il 23 settembre con un outsider del panorama musicale, partito dal lol rap poi arrivato al pop, Tutti Fenomeni è impossibile da classificare: cantautore classe 1996 si muove tra citazioni altissime, colpi bassi e un’irriverenza ereditata dalla trap; due gli album all’attivo, entrambi prodotti da Niccolò Contessa. A dialogare con lui la scrittrice Veronica Raimo, penna brillante, finalista del Premio Strega 2022 con Niente di vero (Einaudi, 2022), autrice anche di Il dolore secondo Matteo (Minimum Fax, 2007), Tutte le feste di domani (Rizzoli, 2013), Miden (Mondadori, 2018).

A chiudere Le parole delle canzoni un’altra interessante indagine tra cantautorato e narrativa: la scrittura complessa, la metrica unica e personalissima e i linguaggi musicali più eterogenei, dal jazz, al rock, al punk, di Giovanni Truppi, vincitore del Premio Lunezia e della Targa MEI a Sanremo 2022, a confronto con lo stile ricercato, la consapevolezza, l’attenzione verso i deboli, la “pazienza del futuro” di Giulia Caminito, vincitrice del Premio Campiello 2021 con L’acqua del lago non è mai dolce e finalista del Premio Strega 2021. Le parole delle canzoni è presentato nell’ambito del Romaeuropa Festival 2022 a Villa Medici grazie alla collaborazione con Accademia di Francia e Treccani.

articolo pubblicato il: 16/09/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy