periodico di politica e cultura 16 agosto 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

spettacolo: al Parco Miralfiore di Pesaro

Il circo delle pulci del professor Bustric

Da martedì 12 a giovedì 14 luglio appuntamento ancora al Parco Miralfiore di Pesaro con Stupor Circus, festival internazionale di Circo Contemporaneo promosso dal Comune di Pesaro con l’AMAT. Lo chapiteau di Circo El Grito ospita Il circo delle pulci del professor Bustric, magia di trucchi semplici eppure incomprensibili e sorprendenti, piccoli colpi di genio che suscitano nel pubblico la meraviglia. Gioco comico di sorprese che non perde mai la leggerezza e quel senso dell’assurdo tipici del teatro di Bustric, a cui, se il teatro è volontaria sospensione dell’incredulità, il pubblico volontariamente si abbandona.

La pulce è un animale assai piccolo e per lo più invisibile: quale occasione migliore del Circo delle Pulci per creare un Circo Magico. Il Circo delle Pulci nacque storicamente nell’Ottocento è una forma di spettacolo popolare, che meraviglia e stupisce ancora più di un normale circo in quanto a esibirsi nei vari ruoli di acrobata, funambolo o fachiro sono proprio loro…. le pulci. Certo è difficilissimo vederle, soprattutto da lontano, per questo serve la magia che per definizione mostra l’impossibile diventare reale e alla domanda legittima “ma le pulci esistono?” ovvero “c’è il trucco?” si può rispondere, altrettanto legittimamente “se non c’è trucco è incredibile, ma se il trucco c’è… Lo è ancor di più!”. Nel circo delle pulci la magia non è solamente quella del mago, ma anche del teatro, che per sua natura è l’immagine che il pubblico crea nella propria mente osservando ciò che accade in scena, in un certo senso non esiste, è per questo che l’attore può creare ogni tipo d’illusione. Il Circo delle Pulci è gioco di prospettive tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, può accadere che se una pulce si tuffa in una tazzina di caffè tanto piccola per noi, ma grande come un mare per lei, che la scena si trasformi in abisso marino, svelandone segreti e misteri.

Sergio Bini in arte Bustric è attore, autore, regista di un teatro visivo giocoso e poetico. Laureato in lettere e filosofia ha studiato con Decroux e Strasberg. È stato studente all’Ecole National du Cinque di Annie Fratellini e Pierre Etex a Parigi. Con i suoi spettacoli si è esibito molti luoghi del mondo, dall’Africa al nord e sud America e in molte nazioni europee. Recita in inglese, spagnolo e francese. Nel film premio Oscar La vita è Bella era l’amico Ferruccio di Roberto Benigni, ha recitato in vari film come Quartiere di Silvano Agosti. Lavora con grandi orchestre, come l’orchestra Verdi di Milano per comporre “Concerti di Teatro” oppure con il duo pianistico di Paola Biondi e Debora Brunialti. Festeggia in questo anno i suoi 50 anni di carriera sulla scena e continua senza mai perdere il desiderio di avventura e di ricerca che nasce da questo straordinario lavoro.

Biglietti 12 euro, 8 euro ridotto fino a 14 anni in vendita presso biglietteria Teatro Sperimentale 0721 387548, Tipico.Tips 0721 34121 – 340 8930362 e biglietterie circuito AMAT / vivaticket anche on line (info al n 071 2072439). Biglietteria presso Parco Miralfiore (334 3193717). Inizio spettacolo ore 21.30.

articolo pubblicato il: 08/07/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy