periodico di politica e cultura 18 agosto 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: all'Anfiteatro Romano di Urbisaglia

Lisistrata

L’Anfiteatro Romano di Urbisaglia torna a ospitare gli spettacoli proposti nel cartellone regionale del TAU Teatri Antichi Uniti, rassegna di teatro classico promossa da Regione Marche, AMAT, MiC e i Comuni del territorio. Domenica 31 luglio Amanda Sandrelli interpreta con la maestria che le è propria Lisistrata di Aristofane secondo l’adattamento e la regia di Ugo Chiti, nuova produzione di Arca Azzurra.

Lisistrata imperversa da quasi 2500 anni sulla stupidità, l’arroganza, la vanità, la superficialità degli uomini. Lisistrata ci guarda dal lontano 411 a.c., anno del suo debutto nel teatro di Dioniso ai piedi dell’Acropoli di Atene e scuote la testa sconsolata di fronte alle tragedie, alle miserie, ai disastri provocati da quella stupidità, arroganza, vanità, superficialità, che sono tutti sostantivi femminili, come la guerra che da questi viene immancabilmente generata, ma che sono immancabilmente attributi maschili. Lo fa attraverso un meccanismo teatrale modernissimo, una specie di farsa dove molto si ride, ma che in maniera paradossale e insieme umanissima ci fa scoprire senza falso pudore, tra sghignazzi e continui doppi sensi saporosissimi i meccanismi perversi dell’irragionevolezza umana. Lo fa additando senza ipocrisia, con un linguaggio diretto e divertentissimo, i vizi, la perversione, il malcostume, la corruzione, le debolezze che ci portano da millenni a ritenere la violenza l’unico mezzo per risolvere i conflitti, per appianare le liti. Lo fa mettendo bene in chiaro che questo meccanismo opera sempre e a qualsiasi livello: che sia quello politico e territoriale, sia su ogni altro ambito della vita degli esseri umani, con l’unica conseguenza della sottomissione del più debole. Debole ovviamente solo in termini di forza fisica di risorse materiali da mettere in campo, e non certo di intelligenza, di cultura, di sensibilità.

Ugo Chiti, nella riscrittura del testo classico, mette in luce la sua capacità di interpretare la classicità con occhio contemporaneo e insieme rispettoso dell’originale, con la sua lingua sapida, ricchissima che sembra fatta apposta per rendere l’originale nella sua interezza, reinterpretando quelle parti rese di difficile comprensione dal tanto tempo trascorso. Amanda Sandrelli si rivela una protagonista perfetta per la commedia di Aristofane affiancata da un eccellente cast composto da Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Gabriele Giaffreda, Elisa Proietti e con Lucianna De Falco nel ruolo di Spartana. Le scene sono di Sergio Mariotti, mentre i costumi li firma Giuliana Colzi. Le luci sono a cura di Marco Messeri e le musiche di Vanni Cassori.

Il TAU non è solo un’ampia rassegna di spettacoli ma ad arricchire la proposta per il pubblico ci sono gli AperiTAU. Passeggiate di storia. Prima degli spettacoli, alle ore 16, è prevista la vista al Parco Archeologico di Urbs Salvia a cura del Comune di Urbisaglia (informazioni e prenotazioni ufficio turistico Urbisaglia 0733 506566) dalle ore 16 alle ore 18 apertura dei Magazzini Archeologici. Biglietti per lo spettacolo 15 euro ridotto 12 euro, presso Ufficio turistico Urbisaglia 0733 506566 e biglietteria Anfiteatro Romano la sera di spettacolo dalle ore 21. Inizio spettacolo ore 21.30. Programma completo del TAU su www.amatmarche.net.

articolo pubblicato il: 28/07/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy