periodico di politica e cultura 29 maggio 2022   |   anno XXII
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: la Fran-cigena e le vie del gusto in Tuscia

"Sui passi dei briganti"

Sui passi dei briganti, tra ribellione e criminalità, tra storia e leggenda. La neonata DMO La Fran-cigena e le vie del gusto in Tuscia (VT) il 14 maggio e il 2 giugno racconterà, attraverso inusuali cammini nella Tuscia Viterbese, un capitolo di storia tutta italiana, quella del brigantaggio - con i suoi eroi e sulle orme dei loro passi - con escursioni narrate nel cuore di labirintici boschi, e di quei borghi sospesi nel tempo che furono scenografia di agguati e latitanze.

Tuscania, Farnese, Ischia, Cellere, Valentano, Tarquinia. Sono solo alcuni dei luoghi che furono macchiati dal fenomeno del brigantaggio nell’ottocento italiano. La DMO La Francigena e le vie del gusto in Tuscia, con il progetto Butteri, Briganti e Mezzadri, pro-pone un viaggio alla scoperta di questi luoghi, dei nascondigli dei briganti, delle loro basi operative e delle loro zone di guerriglia, dalle quali facevano sì che venisse applicata la loro legge: quella del popolo contro i grandi proprietari terrieri. Un’occasione per scoprire luoghi a noi vicini e dalla lunga storia, per guardarli con occhi diversi e conoscere Storia e radici del territorio.

Esattamente 150 anni fa uno dei più noti briganti di sempre, Domenico Tiburzi, eva-deva dal carcere di Porto Clementino. Proprio da questa figura emblematica, un secolo e mezzo dopo, comincia il percorso della DMO La Francigena e le vie del gusto dedicata al racconto del bri-gantaggio.

Il 14 maggio Elena Ronca, guida turistica e ambientale, e Marco D’Aureli, antropologo e direttore del Museo del Brigantaggio, condurranno Sulle tracce di Tiburzi tra Storia e Leggenda, escursione narrata a Cellere (VT) e al Parco del Timone, alla scoperta della natura del territorio e delle storie legate al brigantaggio e alla figura del celeberrimo brigante che proprio qui nasceva il 28 maggio del 1836.

Ricordo romantico e controverso, affascinante e discusso della Tuscia ottocentesca.

Brutali e violenti assassini o eroi che derubavano i ricchi per dare ai poveri? Le canzoni po-polari e la storia ricordano questi personaggi come controversi eroi romantici, criminali in opposizio-ne al potere. A cominciare da Domenico Tiburzi: personaggio che permea la cultura popolare e an-che cinematografica italiana (basti pensare dal film di Paolo Benvenuti “Tiburzi”); criminale, brigante buono, distingueva la legge dalla giustizia.

A distanza di 150 anni dalla sua storica evasione dal carcere di Porto Clementino, il 14 maggio, si ripercorreranno i luoghi che hanno reso memorabili le gesta del moderno e nostrano Ro-bin Hood. Un’occasione per rivivere le emozioni delle storie popolari della Tuscia, le storie dei nonni dei nostri nonni, che lasciano spazio a personaggi romantici nati e cresciuti tra criminalità, lotta allo stato e mito.

Il secondo appuntamento dedicato al brigantaggio dei percorsi di Butteri, Briganti e Mezza-dri - promossi dalla DMO La Francigena e le vie del gusto in Tuscia - sarà il 2 giugno presso la Ri-serva Naturale Selva del Lamone e Farnese.

I sentieri della Selva del Lamone porteranno appassionati, camminatori e turisti in un’escursione immersi nel verde, un viaggio nel cuore di un bosco intricato, fitto, labirintico e sempre diverso. Un luogo vivissimo, dove anche le rocce sono ricoperte di muschi verdeggianti e felci, dove gli uccelli si avvisano del passaggio del viandante e tra le fronde i selvatici ben nascosti nel loro re-gno ci osservano passare ignari. Un’esperienza da vivere a passo lento, tra il folto del bosco accom-pagnati quasi dalla sensazione smarrimento nel mezzo della primordiale selva oscura, con l’opportunità di scoprire le tracce di un bosco vissuto in un passato neanche troppo lontano, fatto di boscaioli e butteri, pastori e cacciatori, briganti e carbonai…

14 maggio Sulle tracce di Tiburzi tra Storia e Leggenda Dove: Cellere - Parco del Timone Appuntamento: ore 09.30 (Via G. Marconi, 20, 01010 Cellere VT) Costo: gratuito

2 giugno – La Selva dei Briganti Dove: Riserva naturale Selva del Lamone - Farnese Appuntamento: ore 9.30 a Farnese, (Loc.tà Bottino s.n.c., 01010 Farnese VT) pranzo al sacco a ca-rico dei partecipanti. Termina per le ore 16.00 Costo: gratuito

Info, dettagli e prenotazioni su: dmofrancigenaegusto@gmail.com, tel 0761/304643, cell 348/5203954

articolo pubblicato il: 04/05/2022

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy