periodico di politica e cultura 21 giugno 2021   |   anno XXI
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

politica estera

fiorentina addio

di Lf

nella stessa sezione:
Nel corso di un'intervista alla rivista “MIT Technology Review”, concessa in occasione della presentazione del suo ultimo libro "Come evitare un disastro climatico", Bill Gates ha seccamente affermato che le nazioni ricche dovranno passare completamente al consumo di carne sintetica.

Il fondatore di Microsoft ritiene che si debbano applicare regole ferree per imporre il consumo di carne artificiale. In un futuro molto prossimo, secondo Gates, bisognerà dimenticarsi di mangiarsi una ricca fiorentina naturale.

Gates non è solo considerato tra i più ricchi uomini del pianeta, se non il più ricco in assoluto, bensì è anche il re delle coltivazioni, per essere il maggior proprietario terriero degli Stati Uniti, con 108.000 ettari di terra altamente produttiva. Fanno capo al multimilionario diverse aziende di carne sintetica, come Hampton Creek Foods, Memphis Meats, Impossible Foods y Beyond Meat. Nel caso di Beyond Meat (BYND), le azioni sono cresciute dell'859 per cento nei prim tre mesi di quotazione.

Anche al Forum conosciuto come Davos, dalla località in cui si ritrovano i suoi membri, si è caldeggiato che entro il 2030 non si debba mangiare più carne, grazie ad una politica dei prezzi che allontaneranno la bistecca dai piatti del consumatore medio. Il filantropo, che è presidente del fondo d’investimento Breakthrough Energy Ventures, che si batte per l’utilizzo di energie pulite, è tra coloro che affermano che l’allevamento sia una delle cause prime del disastro ecologico della terra.

Bill Gates, che è membro eminente di Davos, potrà però mangiare carne, in quanto sarà uno dei pochi a poterselo permettere. Ha infatti affermato di non essere affatto vegetariano e che ama l'Hamburger con il formaggio sopra.

articolo pubblicato il: 20/02/2021 ultima modifica: 03/03/2021

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy