periodico di politica e cultura 22 gennaio 2021   |   anno XXI
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

spettacolo: testimonianze su Kantor dalla Biennale di Venezia

"Ciò che rimane e sopravvive "

Ciò che rimane e sopravvive è il titolo delle testimonianze audio che la Biennale di Venezia - in occasione del trentennale della morte del geniale artista polacco Tadeusz Kantor (1915-1990) - rende disponibili on line da martedì 8 dicembre (ore 12.00), grazie al suo Archivio Storico delle Arti Contemporanee, all’indirizzo www.labiennale.org.

Ciò che rimane e sopravvive raccoglie appunti, immagini, riflessioni e ricordi scritti da Tadeusz Kantor a partire dagli anni Quaranta, segnati dalla guerra e dall’occupazione nazista di Cracovia, fino alla fine della sua esistenza. Sono frammenti sull’artista e l’opera d’arte, il teatro e l’attore, la memoria e l’immaginazione, la morte e l’amore di un autore unico che ha attraversato le grandi avanguardie cambiando la scena del Novecento. Gli interpreti li compongono in un caleidoscopio di voci e di lingue sui motivi musicali quasi ipnotici e così caratteristici degli spettacoli di Kantor. Sono i suoi compagni di viaggio del Teatr Cricot2 - Loriano Della Rocca, Ludmila Ryba, Eros Doni, Marie Vayssiére, Luigi Arpini – a cui si aggiungono le presenze di Ellen Stewart del Cafè La Mama di New York e di Renato Palazzi, che ne aveva curato la realizzazione.

La lettura era stata presentata nel 1991 dalla Biennale di Venezia a Ca’ Corner della Regina, antica sede dell’Archivio Storico in quel momento ancora operativa, nell’ambito del Progetto Kantor, articolato in una mostra dei suoi “poveri” oggetti d’arte e macchine sceniche “celibi”, seminari, dibattiti, filmati, documentari e spettacoli, considerati esperienze irripetibili dal pubblico di tutto il mondo. Dalla partitura di gesti e azioni della Classe morta all’ultima fatica Aujourd’hui c’est mon anniversaire, che fatalmente segna la scomparsa di Kantor a poche ore dall’ultima prova. Sono tutti materiali conservati e consultabili nella sede attuale dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee al Vega e presso la Biblioteca ai Giardini. Ma ci sono altri segni della presenza di Kantor alla Biennale di Venezia attraverso le Mostre Internazionali di Arti Visive (nel 1960, nel 1982 e infine nel 1993), testimonianza del connubio inscindibile tra pittura e teatro che Kantor ha incarnato.

L’iniziativa della diffusione on line di Ciò che rimane e sopravvive è stata resa possibile dal recente riordino e recupero dei materiali dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia.

articolo pubblicato il: 06/12/2020

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy