periodico di politica e cultura 25 ottobre 2020   |   anno XX
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: al salone della moda contemporanea White Milano

Graphene Inside the Future


nella stessa sezione:
L’innovazione nel tessuto fa il suo ingresso in Italia dalla porta principale. Technow, giovane azienda svizzera dedicata alla ricerca e sviluppo in ambito tessile, ha scelto il salone della moda contemporanea White Milano per presentare il suo progetto Graphene Inside the Future. Una soluzione altamente innovativa che, nel rispetto del mantra dell’ecosostenibilità, dà un valore aggiunto a tutti i prodotti della filiera tessile: dal filato alle imbottiture accrescendone le proprietà tecniche e fisiche. Condividendo l’impronta innovativa e sostenibile, Technow sarà ospite di WRAD il 24 e il 27 febbraio nello spazio Tortona 27 - Superstudio Più a Milano.

Alla base del progetto sviluppato da Technow c’è il grafene. «Un materiale di recente scoperta costituito da un singolo strato di atomi di carbonio con caratteristiche fisiche incredibili e che grazie alla sua estrema duttilità trova applicazioni in diversi settori industriali», spiega Francesco Lazzati, terza generazione di una famiglia di imprenditori tessili e tra i fondatori di Technow.

«Attraverso studi e continui test di laboratorio siamo riusciti ad applicare il grafene alle principali fibre tessili (nylon, poliestere, lana e cotone) alle membrane tecniche e alle imbottiture, trasformando prodotti tradizionali in smart textile, ovvero prodotti con caratteristiche uniche, senza però alterare la loro naturale composizione».

Il tutto, con un’anima eco-sostenibile. Prosegue Lazzati: «Il grafene che applichiamo nelle nostre lavorazioni tessili è l’unico ottenuto da biomassa ovvero ricavato dagli scarti di lavorazione del mais, differenziandoci così dai tradizionali processi produttivi del grafene proprio grazie a questa sua natura eco-sostenibile».

L’applicazione di questo materiale nel tessile permette accrescere le caratteristiche tecniche dei tessuti. «Innanzitutto, abbiamo un tessuto capace di termoregolarsi con la temperatura emanata da proprio corpo, ovvero in grado di propagare e disperdere calore più velocemente rispetto ad un tessuto tradizionale», spiega il referente di Technow. In secondo luogo, grazie a specifiche tipologie d’applicazione e anche possibile avere «un tessuto antistatico, poiché la distribuzione continua ed uniforma di grafene consente la dispersione delle cariche elettriche lungo la superficie del tessuto». Non ultimo, è antibatterico.

«Infine, grazie alla sua struttura atomica può conferisce ai materiali ottime proprietà antibatteriche, motivo per il quale siamo presenti come Technow a WSM Fashion Reboot Milano tra le aziende attive nella produzione di tessuti antibatterici».

Dalle magliette ai giubbotti, dai rivestimenti per arredo fino all’abbigliamento sanitario passando per i rivestimenti dei sedili delle auto e arrivare alle imbottiture, il grafene rappresenta un valore aggiunto per il mondo del tessile. Diversi marchi internazionali hanno già adottato Graphene per capi di abbigliamento in ambito fashion e sportswear.

Technow è una società svizzera attiva nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti tessili per abbigliamento e sportswear ad alto contenuto tecnologico. Dalla sede di Coldrerio, opera prevalentemente in Europa e in Asia ponendosi come punto di riferimento nel settore tessile in termini di innovazione grazie ad un know how costruito in oltre sessant’anni di attività. L’approccio internazionale unito ad una grande competenza tecnica ha permesso al gruppo di selezionare i migliori materiali per produrre una gamma di prodotti tessili sempre sulla frontiera dell’innovazione e della sostenibilità. Alla base del successo c’è una strategia aziendale che unisce innovazione e costante attenzione alla qualità per uno sviluppo sostenibile della produzione su larga scala.

articolo pubblicato il: 18/09/2020

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy