periodico di politica e cultura 5 aprile 2020   |   anno XX
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

teatro: al Teatro Studio Uno di Roma

"Io non sono come Moira"


nella stessa sezione:
Nasce ufficialmente Figli di Medea, la giovane Compagnia Teatrale attiva su territorio romano e nazionale nata dall’incontro di cinque artisti alla ricerca di un pubblico a cui raccontare il mondo con passione e follia.

I membri della Compagnia, Susanna Laurenti, Benedetta Russo, Enrico Torzillo, Riccardo Viola e Pietro Maria Virdis si incontrano nel 2016 all’interno degli storici locali del Teatro dell’Orologio di Via de’Filippini a Roma, dove comincia la loro storia comune di andata in scena. In questi anni, infatti, partecipano a tutte le produzioni della Compagnia del Teatro dell’Orologio (di cui fanno tutt’ora parte), mettendo in scena i classici senza tempo (Shakespeare, Plauto, Dickens...) raccontati con estro e magia al pubblico, in assetti teatrali, itineranti e immersivi per la regia di Leonardo Ferrari Carissimi. Si affermano, inoltre, singolarmente, in diverse realtà artistiche italiane, calcando diversi importanti palchi del territorio. Cinque amici fraterni, cinque forti individualità, cinque vite in comune, un’unica passione: la bottega del palcoscenico!

Cinque artisti più diversi che mai, stereotipi irriverenti e canoni classici della Commedia dell’Arte; singolarmente impegnati, oltre che nella recitazione, nei campi della drammaturgia, della regia, della musica e della danza. Innamorati della tradizione e della sperimentazione.

Reduci da grandi successi di pubblico per la loro prima produzione autonoma “Io non sono come Moira” (che ha debuttato a Roma lo scorso Novembre), i giovani artisti provenienti dal Teatro dell’Orologio creano oggi “Figli di Medea”, una compagnia giovane con l’intento di sperimentare e far valere la tradizione del teatro di bottega in un’epoca così lontana dagli antichi odori delle sale teatrali. A sostenere i giovani attori (figli del Teatro dell’Orologio e della sua produzione) un team di esperti del settore giovani e fiduciosi verso i giovani: l’ottima fotografa di scena Manuela Giusto, Federico Baciocchi all’apparato scenografico, Tommaso Laurenti alla grafica e comunicazione, restando perennemente alla ricerca di capitale umano fresco con cui confrontarsi e lavorare. Giovani, fragili, attenti, traditi, attentati, traditori, innamorati, illusi, pazzi, orfani e divertiti, come i fantasmi di quei bambini ricoperti da un’oscura fama, i Figli di Medea vogliono commuovervi, divertirvi e spaventarvi.

Il primo appuntamento in scena è fissato per i prossimi 13,14,15 Marzo a Teatro Studio Uno con “Io non sono come Moira”, diretto da Susanna Laurenti e Riccardo Viola, di nuovo in scena dopo il successo dello scorso Novembre, la storia di Andrea, giovane metrosessuale e del viaggio all’interno del suo passato; da non perdere, poi, il debutto di “Tingeltangel”, testo inedito sull’omonima opera di Karl Valentin diretto da Enrico Torzillo in scena a Roma i prossimi 29,30,31 Maggio al Teatro Basilica e poi in giro per l’Italia.

articolo pubblicato il: 29/02/2020 ultima modifica: 12/03/2020

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy