periodico di politica e cultura 25 febbraio 2020   |   anno XX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

teatro: al Teatro Palladium di Roma

"Spettri, un dramma familiare"

Debutterà al Teatro Palladium in prima nazionale “Spettri, un dramma familiare”, con la regia di Walter Pagliaro, in scena da giovedì 20 febbraio a domenica 23 febbraio. Prodotto dall’Associazione Culturale “Gianni Santuccio”, interpretato da Igor Mattei, Micaela Esdra, Giorgio Crisafi, Fabrizio Amicucci e Dalila Reas, lo spettacolo propone una lettura contemporanea di uno dei drammi più significativi di Henrik Ibsen “Spettri”, un amaro racconto delle ombre e degli spettri che ciascuno si crea nel corso della propria vita.

NOTE DI REGIA di Walter Pagliaro
“Spettri” è il proseguimento, o meglio dire completamento, di un progetto sulla drammaturgia nordica, già avviato con ”Il Pellicano“ di Strindberg. “Spettri” sembra essere sia il completamento tematico, sia stranamente, l'acida e suggestiva premessa. Come suggerisce acutamente Franco Perrelli, “Ibsen sta a Strindberg come il dr. Jekyll a mr. Hyde, sicché, messe nel conto le ovvie differenze, noi possiamo davvero capire Strindberg solo attraverso lbsen, così come possiamo comprendere profondamente Ibsen proprio attraverso Strindberg”. A questa suggestione si ispirerà il nostro spettacolo, insolitamente pensato in una sorta di "Intima Teatern". In effetti, “Spettri” e “Il Pellicano”, sono entrambi ambientati in una casa “perturbata", dove sono morti, in modo sospetto, due Padri deboli o debosciati, spinti alla distruzione da due donne enigmatiche e virili che detengono saldamente nelle mani il potere, sulla casa e sui reciproci figli che si danno fuoco, dilaniati dalle colpe dei genitori e dalla loro stessa ignavia. Scritto nell'estate del 1881, fra Roma e Sorrento, “Spettri” è una delle opere più famose del repertorio teatrale europeo, e sicuramente, è il dramma manifesto dello scrittore norvegese. In esso, infatti, sono presenti con evidenza tutti i temi fondamentali dell'intero corpus ibseniano: il ritorno del passato che si riflette in maniera devastante sul presente; il tema dell'incesto; la megalomania del protagonista ibseniano; la borghesia intesa come fucina di pregiudizi e fobie che paralizzano l'essere umano; la famiglia, raccontata come perverso laboratorio di infelicità. Noi vi proponiamo una lettura contemporanea, secca e nervosa, di questo "dramma da camera”, che è una dura requisitoria contro tutti gli spettri che ciascuno si crea nel corso della vita.

SPETTRI, un dramma familiare di Henrik Ibsen Traduzione di Franco Perrelli Drammaturgia e regia di Walter Pagliaro con Micaela Esdra (Signora Helene Alving), Giorgio Crisafi (Pastore Manders), Igor Mattei (Osvald Alving), Fabrizio Amicucci (Falegname Engstrand), Dalila Reas (Regine) Assistente alla regia Ilario Grieco Scene e costumi Luigi Perego Costumi Sartoria Farani Assistente alla scenografia Luca Filaci Relazioni con il pubblico Pinalba Dipietro Fotografo di scena Mattia Simoncelli

Teatro Palladium Piazza Bartolomeo Romano, 8 – Roma - Tel: 06 5733 2772

articolo pubblicato il: 13/02/2020

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy