periodico di politica e cultura 21 febbraio 2020   |   anno XX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

cronache: Beatrice Scolletta parteciperà alla finale di Miss Italia

la prima dell'anno

di Giuseppe De Girolamo


nella stessa sezione:
Nel corso del programma in diretta Tv “L’anno che verrà”, il consueto concerto condotto in questa occasione da Amadeus, in diretta da Piazza Mario Pagano di Potenza, con il quale RaiUno festeggia, insieme a tutti i suoi spettatori, l’arrivo del nuovo anno, unitamente ai tanti big della serata, abbiamo visto i vincitori delle edizioni 2019 di Sanremo Giovani, di Area Sanremo e di Sanremo Young che rivedremo fra circa un mese al Festival della Canzone Italiana di Sanremo e la nuova Miss 365, prima Miss dell’Anno 2020 del Concorso Miss Italia.

E’ Beatrice Scolletta la Miss Italia prima eletta, che accede di diritto alla fase di finale nazionale che solitamente si tiene in settembre per proclamare la continuatrice di una storia della bellezza italiana, che quest’anno giunge alla sua 81° edizione e vedrà cedere la corona di Miss Italia alla eletta fra le tante ragazze che concorreranno, come ogni anno, alla kermesse ideata da Dino Villani ed esplosa ai più grandi splendori con Enzo Mirigliani, passata poi alla figlia Patrizia dopo la dipartita di colui che ha reso “Miss Italia” un evento protagonista della tradizione e del costume del nostro Paese. La bella 24enne, nettunense, Beatrice eletta Miss 365 e che quindi rappresenta una bellezza continuativa almeno per quest’anno affiancando la titolare di Miss Italia 2019/2020 la lombarda Carolina Srtamare eletta a Jesolo nel settembre 2019 durante la finale nazionale del concorso trasmessa in diretta, per la sua 80esima edizione, da RaiUno, con la conduzione di Alessandro Greco, è stata scelta fra le tre selezionate delle 170 candidate che una giuria di fotografi presieduta da Rino Barillari in un casting nazionale svoltosi all’Hotel Crowne Plaza a Roma, con la presenza della patron Patrizia Mirigliani, da determinato per concorrere a questo titolo.

Mentre le altre due concorrenti finaliste per questa selezione, Rebecca Puci 22enne di Mantova e Margot Truffa 19 anni di Anguillara, hanno ottenuto la possibilità di concorrere direttamente alle finalissime regionali che si svolgeranno in agosto in Italia, la Scolletta la potremo vedere già con certezza nella fase finale nazionale del concorso per contendersi fascia e corona di Reginetta della bellezza italiana per il 2020/2021 e potremo così in diretta tifare per lei o altra di nostro piacimento attraverso il televoto. La miss 365 di quest’anno ha dichiarato: “È nato tutto per gioco. Stavamo vedendo Miss Italia quando mio marito Roberto, ha detto ai bambini Leone e Vittoria, che l'hanno prossimo avrebbero visto anche me in tv. E' stato lui ad iscrivermi, io non ci pensavo proprio. Poi sto ancora allattando e quindi sono costretta a portarmi i pargoli appresso. Ora sono confusa e felice”.

Cosa c’è di più bello dell’iniziare un anno in allegria e poi con la gioia di una delle più belle ragazze italiane chiamata a rappresentare la bellezza femminile dell’intero Stivale proprio con lo scoccare dell’anno nuovo? La miss 365 prima Miss dell’anno del concorso Miss Italia, che con l’80 compleanno nello scorso settembre è tornato su Rai Uno, è stata presentata sulla rete ammiraglia della Tv italiana da Amadeus proprio nella prima ora di quest’anno ed esattamente alle 00:35. Subito dopo il boom di festeggiamenti per questo 2020, anno nel quale con il concorso Miss Italia, continuano oltre alle opportunità di lavoro e sogni che tante ragazze hanno realizzato, con la loro bravura, proprio partecipando a Miss Italia, anche le tante battaglie condotte da Patrizia Mirigliani in difesa di tutte le donne con in primis quelle ragazze che lei coccola con la partecipazione ad un concorso che pur restando nella semplicità della “porta accanto” mira a fare esprimere alle ragazze tutte le loro altre potenzialità per dar loro la possibilità di emergere e partecipare alla creazione di un mondo migliore.

articolo pubblicato il: 01/01/2020

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy