periodico di politica e cultura 18 novembre 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

teatro: a Teatri di Vita di Bologna

"Classe 1989"

Tutti in classe, letteralmente: per imparare qualcosa del passato di 30 anni fa, dal Muro di Berlino alla Svolta della Bolognina, e per avere spunti di comprensione del presente. In compagnia di ospiti molto diversi tra loro, tra cui il testimone più diretto dell’evento che nel 1989 sconvolse la politica italiana: Achille Occhetto, protagonista della “svolta della Bolognina” in cui annunciò il cambiamento del Partito comunista. Si tratta di “Classe 1989”, una serata spettacolar-didattica in programma a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; info: www.teatridivita.it, 333.4666333) mercoledì 13 novembre 2019, alle ore 21, nell’ambito della stagione “Memories are made of this” di Teatri di Vita, realizzata in convenzione con il Comune di Bologna e con il contributo della Regione Emilia Romagna, della Fondazione del Monte e della Fondazione Carisbo.

L’evento apre il progetto internazionale “Maremuro” realizzato da Teatri di Vita con Theater X / JugendtheaterBüro di Berlino e Code Partners di Scutari, nell’ambito del programma “Creative Europe Culture” dell’Unione Europea.

La serata vedrà ospiti e spettatori nuovamente sui banchi di scuola, immersi in una sorta di aula scolastica, sotto la guida della “professoressa” Daniela Camboni, insieme a testimoni come Achille Occhetto, Silvia Bartolini, Gemelli Ruggeri, Marco Zanardi (Orea Malià), Massimo Golfieri, Richard Kwane e altri ancora. Tra la lezione e la ricreazione (con tanto di merenda per i partecipanti, compresa nel prezzo del biglietto di soli 6 euro), tra il racconto della caduta del Muro di Berlino e quello della fine del Partito comunista italiano, sulle orme di Croda con i Gemelli Ruggeri, pensando alla creatività bolognese degli anni 80 e ricordando come dal 1989 ebbero inizio le grandi migrazioni dai Paesi dell’Est e come oggi viviamo altre migrazioni e altri “muri”.

articolo pubblicato il: 09/11/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy