periodico di politica e cultura 18 ottobre 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

spettacolo: al Teatro delle Muse di Ancona

"La sonnambula"

La Stagione Lirica 2019 del Teatro delle Muse propone venerdì 11 e domenica 13 ottobre un nuovo allestimento de La sonnambula di Vincenzo Bellini. L’opera in due atti su libretto di Felice Romani, musica di Vincenzo Bellini, appare per la prima volta nel ricostruito Teatro delle Muse di Ancona diretta dal direttore Alessandro D’Agostini, la regia e le scene sono di Cristian Taraborrelli, i costumi di Angela Buscemi e i video di Fabio Massimo Iaquone. Nel cast Amina è Veronica Granatiero, Elvino è Marco Ciaponi, il Conte Rodolfo è interpretato da Alessandro Spina, Isabel De Paoli (Teresa), Maria Sardaryan è Lisa, Giuseppe Toia Alessio, Anzor Pilia (Un notaio). L’opera è una nuova produzione della Fondazione Teatro delle Muse.

Amina – La somnambule di Eugène Scribe e Germaine Delavigne - è circondata dalla piccola comunità di una valle alpina, pronta a reagire con ingenuità, credula superstizione e pettegolezzo a quanto accade alla ragazza, inconsapevole del suo sonnambulismo. A suggello della storia, le violette che Elvino dona all’amata come pegno d’amore, appassite nello spazio d’un giorno. Opera semiseria, considerata uno dei capolavori di Bellini, vede nel finale Amina discolpata che sposa felicemente Elvino.

Cristian Tarborrelli pensa alla scena "Come se dal tetto sconquassato del palcoscenico cadesse neve". Neve come sospensione del tempo e dello spazio, neve che confonde i contorni e cambia le prospettive. Sospensione della percezione dei suoni. Neve che cancella, per divenire tela vergine del racconto e dei sentimenti. Una tela bianca e cristallina, che ha la qualità di mutare forma e assecondare gli spazi fisici e psicologici dei personaggi (…) -.

La nuova produzione è firmata per la regia e le scene da Cristian Taraborrelli, figura di primo piano nel panorama del teatro italiano, scenografo per diverse produzioni d’opera di Giorgio Barberio Corsetti, Adriano Sinivia, Stefano Vizioli, e regista di due fortunate produzioni contemporanee: La Jura di Gavino Gabriel a Cagliari e de Il Colore del Sole di Lucio Gregoretti a Jesi e Modena. I costumi sono di Angela Buscemi, che ha al suo attivo Don Carlo al Mariinski di San Pietroburgo, Rondine a Messina, My fair Lady a Trieste, Cavalleria Rusticana a Rovigo. Lo spettacolo si avvarrà dei video di Fabio Massimo Iaquone, uno dei pionieri dell’intermedialità e dell’applicazione della videoarte nell’ambito del teatro e dell’opera, che ha collaborato con registi come Robert Wilson e Giorgio Barberio Corsetti, realizzando diverse produzioni d’opera con Cristian Taraborrelli. Sul podio salirà Alessandro D’Agostini, che si è andato affermando in questi ultimi anni soprattutto nel repertorio belcantistico: ha diretto Il Barbiere di Siviglia a Firenze e a Parma, Guglielmo Tell e La fille du Régiment nel circuito lombardo, Fra Diavolo a Palermo. Condurrà una squadra di giovani artisti al debutto nell’opera belliniana.

Protagonista sarà Veronica Granatiero, che nel 2018 fu un applaudito Oscar nella produzione anconetana de Un ballo in maschera. Amina giunge dopo esperienze mozartiane – la Contessa delle Nozze di Figaro e Zerlina nel Don Giovanni a Nizza e prima di quelle cimarosiane nel Matrimonio Segreto a Verona: un percorso che sottolinea la linea che attraverso la scuola napoletana – di cui Bellini fu tra gli ultimi esponenti – porta la cantabilità settecentesca nella nuova temperie romantica.

Elvino sarà Marco Ciaponi, il giovane tenore che – dopo il primo premio al Concorso Voci Verdiane di Busseto, nel 2015 - alterna Mozart, belcanto e Verdi nei maggiori teatri europei, con incursioni nella Giovane Scuola per Manon Lescaut – Edmondo e Lampionaio - alla Scala e Pagliacci – Beppe - ad Amsterdam. Il basso marchigiano Alessandro Spina, che è diventato una presenza costante nei più importanti teatri italiani (nel corso di quest’anno in Scala canta in Cenerentola, Traviata e Masnadieri, a Bari in Bohème), sarà il Conte Rodolfo. Lisa sarà Maria Sardaryan, soprano armeno, proveniente dall’Accademia osimana: interprete nel Flauto Magico della Regina della notte nei Teatri lombardi e di Pamina al Massimo Bellini di Catania, ha cantato nelle grotte di Frasassi per il programma televisivo Meraviglie di Alberto Angela. Isabel De Paoli, che ha ad Ancona ha cantato Quickly nel Falstaff del 2015, sarà Teresa, Giovanni Toia, baritono palermitano più volte impegnato nelle produzioni del Teatro Massimo, sarà Alessio e Anzor Pilia, tenore georgiano - allievo dell’Accademia lirica di Osimo – che ha mosso i primi passi al Festival Pucciniano di Torre del Lago, sarà il Notaio.

Come di consueto l’Orchestra Sinfonica “G. Rossini”, il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” con Maestro del Coro Davide Dellisanti e l’Orchestra di Fiati di Ancona. La guida all’opera per Sonnambula è prevista domenica 6 ottobre alle ore 11 al Ridotto del Teatro ad ingresso libero. La guida all’opera è condotta dal critico musicale Gabriele Cesaretti.

Biglietteria Teatro delle Muse 071 52525 –biglietteria@teatrodellemuse.org _ biglietti on line prenotabili su www.geticket.it orario biglietteria dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 13.30 e nei pomeriggi di giovedì e venerdì dalle 16.30 alle 19.30.

www.fondazionemuse.org FONDAZIONE TEATRO DELLE MUSE: Soci Fondatori: Comune di Ancona, Fondazione Cariverona / Con il contributo di: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Marche / Con il contributo speciale di Fondazione Cariverona / Con il contributo di Estra Prometeo spa / Con il sostegno di: Associazione Palchettisti del Teatro delle Muse, Gli Amici del Teatro delle Muse / In collaborazione con Marche Teatro / Partner tecnici: The Begin Hotels, Naima Profumerie Galeazzi.

articolo pubblicato il: 01/10/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy