periodico di politica e cultura 21 novembre 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

cronache: nuovo ecosistema culturale nel quartiere Ostiense di Roma

"Industrie Fluviali"


nella stessa sezione:
Industrie Fluviali: nel cuore del quartiere Ostiense, dal 25 ottobre 2019, nasce un nuovo ecosistema culturale a Roma. Parole d’ordine: accessibilità, integrazione, siner-gia, rigenerazione urbana, sostenibilità, tecnologia.

Nell’ex Lavatoio Lanario di Via del Porto Fluviale, riprogettato a partire dalle ri-chieste del territorio raccolte tramite indagine social e mirata, un nuovo spazio dall’archeologica industriale capitolina viene restituito e aperto alla città: qui nasce un polo imprenditoriale per imprese, start up, artigiani e non solo; qui fioriranno un orto urbano, un orto idroponico, un giardino sensoriale e un giardino d’inverno; qui viene proposto un fitto calendario di eventi aperti e dedicati a tutti e completamente accessi-bili, affiancati da un bistrot a KM zero; qui apre alla città uno spazio poliedrico dedicato al mondo dell’innovazione culturale, sociale e tecnologica.

Con i suoi 2000 mq di spazi rigenerati, le Industrie Fluviali vanno a costituirsi come spina dorsale di un articolato ecosistema della cultura. Una struttura composta da 400 mq di spazi di la-voro condiviso, 5 sale dedicate ad incontri, riunioni, mostre, talks ed eventi, un’area food e una magnifica terrazza vista Gazometro, la stessa che ha ospitato le riprese del celebre film “Le fa-te ignoranti” del regista Ferzan Özpetek.

Collocato in un edificio di quella che nella prima parte del ‘900 è stato il Lavatoio Lanario Sonnino, uno stabilimento in cui lavoravano prettamente donne, come testimo-niato dalle grandi immagini che arricchiscono gli spazi, Industrie Fluviali è stato recupera-to valorizzando gli elementi di archeologia industriale presenti, in un inedito dialogo partecipativo con il territorio, sempre attento ai nuovi stimoli sociali.

È così che Industrie Fluviali diventa approdo per chi volesse condividere idee e valori, con l’area di co-work supportata dalle nuove frontiere tecnologiche in fatto di busi-ness management, ma soprattutto una “casa di tutti” in cui vivere un flusso continuo di eventi aperti a tutti e completamente accessibili.

Tra i tanti eventi già in programma, infatti, Industrie Fluviali porta all’attenzione un importante focus sull’integrazione sociale, con workshop di poesia per sordi, attivi-tà aperte in LIS destinate a udenti e non solo, e poi ancora degustazioni al buio guidate da chef e mostre tattili con le sculture realizzate dalle artiste cieche del gruppo “Mano Sapiens: mani che vedono, che creano”.

In un alternarsi virtuoso di eventi rivolti al territorio negli spazi post - industriali ravvivati dal design contemporaneo tra vetro e resine, giardino d’inverno e bistrot, spazio anche alle attività per i più piccoli, tra artigianato e tecnologia, e poi ancora vi-site guidate e momenti di approfondimento sul clima e sul viaggio dell’acqua, ele-mento cardine della città.

Situato in un quadrante di Roma da sempre popolare ed industriale, nel pieno fermento di un programma di recupero che ha portato negli ultimi anni allo sviluppo abitativo, commerciale e culturale del quartiere facendone una delle zone più dinamiche della capitale, il confluire di sto-ria urbana e di tante storie umane nell’alveo di Industrie Fluviali di via del Porto Fluviale 35 si percepisce al primo sguardo.

La storia di questo edificio inizia nei primi anni del ‘900 quando Angelo Son-nino acquistò il terreno ed iniziò la costruzione del palazzo che, venne adibito a La-vatoio Lanario. Qui il personale, composto da oltre 100 donne, grazie all’utilizzo dei primi macchinari industriali, lavorava la lana proveniente dalla Scozia, dall’Irlanda e dal-la Sardegna. Lo spazio oggi prosegue nella sua influenza sull’assetto sociale della capi-tale: dalle donne di inizio ‘900, che hanno contribuito con la loro tenacia ed il loro sacri-ficio ad assicurare l’empowerment femminile odierno, ad una Società Cooperativa a maggioranza femminile.

Industrie Fluviali è, infatti, un sogno di imprenditoria sociale, con un carattere for-temente concreto e pragmatico, realizzato da PINGO, Società Cooperativa Sociale Inte-grata, nel segno della cooperazione, comunicazione e cultura.

Tutti gli spazi di Industrie Fluviale sono completamente accessibili a persone con disabilità.

articolo pubblicato il: 18/10/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy