periodico di politica e cultura 15 novembre 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

cronache: a Bologna

BOOMing Contemporary Art Show


nella stessa sezione:
Una nuova promettente generazione di artisti è pronta a esplodere. BOOMing Contemporary Art Show è la nuova fiera d’arte contemporanea che si svolgerà a Bologna durante l’Art-Week 2020, dal 23 al 26 gennaio. Una “deflagrazione” creativa che troverà spazio all’interno di DumBo, l'ex scalo ferroviario del Ravone, area rigenerata e condivisa da varie realtà sociali e culturali.

Protagonista, l’arte emergente, ma non in senso anagrafico: a emergere saranno i temi che si impongono all’attenzione del pubblico e, soprattutto, le personalità che “bucano” la superficie, ponendosi in evidenza. Artisti che condividono un sentimento di emergenza, intesa come urgenza rispetto ai tempi moderni e al ruolo dell’arte. Interpreti di un’arte necessaria, portatrice di cambiamento, che si pone criticamente di fronte a un’epoca acefala e dai ritmi disumani, asservita a un concetto di sviluppo inarrestabile.

Al timone di questa nuova manifestazione c’è Simona Gavioli, critico d’arte e curatore indipendente, già co-fondatrice ed ex direttrice di SetUp, la kermesse d'arte bolognese indipendente e collaterale ad Arte Fiera. È lei il direttore artistico di BOOMing, affiancata, come organizzatore e producer, da Doc Creativity, una realtà che riunisce professionisti delle attività culturali e creative, parte della rete Doc, la più grande cooperativa italiana nel settore.

BOOMing Contemporary Art Show rivolge la sua attenzione a gallerie, associazioni e spazi di ricerca che mostrano particolare sensibilità nella selezione degli artisti, individuati in base a una compatibilità non solo estetica o funzionale al mercato. Questa scelta valorizza soprattutto la sintonia di visione, l’intimità di un comune sentire, la capacità di rendere manifesta una realtà spesso taciuta in nome di una presunta convenienza.

BOOMing – Main Section e Solo Show
Chi emerge? Artisti, tematiche, anche interi paesi e continenti: realtà in movimento, che attraverso l’arte si fanno interpreti di un nuovo scenario globale e sociale. Il suffisso ‘ing’ sottolinea come il campo di ricerca resista a ogni definizione, non essendo un oggetto, quanto piuttosto un percorso in perenne divenire. Un metodo che cattura l’attenzione del pubblico come un’esplosione che genera nuove possibilità.

BOOMing si svilupperà su due sezioni tematiche: Main Section e Solo Show. La Main Section è dedicata a un numero massimo di 3 artisti per galleria. Il progetto curatoriale è trainato dal concetto di Climax: un crescendo che allude all’espansione incontrollata di un’emergenza tangibile come ad esempio quella ambientale. Questa figura retorica, il climax – in questo caso ascendente – consiste nel disporre più elementi del discorso secondo un ordine basato sulla crescente intensità del loro significato. Ne scaturisce un effetto di progressione che potenzia l'espressività del discorso. L’obiettivo della fiera è misurarsi con nuove modalità, pratiche, linguaggi, dialettiche del panorama artistico, facendo crescere artisti e gallerie che prenderanno parte al progetto, seminando insieme per far germogliare e fiorire dei piccoli tesori artistici. Ogni anno la Main Section sarà dedicata a una tematica sociale particolarmente sentita, rappresentata secondo una prospettiva inedita. L’edizione 2020 sarà dedicata alle tematiche ambientali, alla natura in pericolo, alla fragilità e alla bellezza del nostro pianeta.

La sezione Solo Show, sarà invece dedicata a “i femminismi”. Al centro, le donne, ancora sottorappresentate nel sistema e nel mercato dell’arte. Parteciperanno figure femminili di spicco nel panorama artistico nazionale e internazionale, oltre che artisti che hanno fatto della tematica femminile il cardine della loro poetica, decostruendone e ricostruendone le fondamenta culturali e storiche e analizzandone i punti sensibili. Femminismi è necessariamente declinato al plurale: la questione di genere attraversa, in modo trasversale, una pluralità di approcci e ambiti spazio-temporali differenti. Solo Show ci invita ad immergerci in una materia complessa, stratificata, ribollente di proiezioni e contraddizioni, trovando una sintesi possibile e uno spazio di riflessione comune.

www.boomcontemporaryart.com

Doc Creativity, organizzatore e producer
La creatività è al centro dell’azione di questa rete di professionisti delle attività culturali e creative che riunisce, tra gli altri, pittori, illustratori, fumettisti, makers, artigiani creativi e digitali, web designer, fotografi e audiovisivi. Doc Creativity fa parte della rete Doc, la più grande cooperativa italiana nei settori dell’arte, della cultura, spettacolo, creatività e della tecnologia, con oltre 8.000 soci, 34 sedi in Italia e 1 neonata all’estero, a Parigi. www.doccreativity.it

Spazio DumBO, location
Spazio di rigenerazione urbana condivisa, DumBO è un distretto culturale e sociale di quasi 40mila metri quadrati che sorge negli spazi dell’ex scalo ferroviario Ravone di via Casarini 19 a Bologna. Un’area dismessa è stata restituita a nuova vita, nella logica della collaborazione e della partecipazione tra pubblico e privato, in un’area strategica della città. DumBO emerge dal suo passato, facendosi culla di arte e cultura: in questo contesto di cambiamento e rinnovamento ospita BOOMing, in nome di una profonda condivisione di intenti e sensibilità.

articolo pubblicato il: 29/10/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy