periodico di politica e cultura 18 novembre 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

spettacolo: in Piazza Dario Conti di Camerino

"Shoes"

Secondo appuntamento a Camerino domenica 29 settembre di Sparse festival, teatro, musica, danza e circo nelle aree rurali della regione Marche nell’ambito del progetto europeo Sparse (Supporting & Promoting Arts in Rural Settlements of Europe), finanziato dal programma Europa Creativa e che vede AMAT come soggetto italiano accanto a Take Art (Inghilterra), Eesti Tantsuagentuur – National Dance Agency (Estonia), Fish Eye (Lituania), Shoshin (Romania), Carn to Cove (Inghilterra), Riksteatern Varmland (Svezia) e Sogn og Fjordance (Norvegia). Con Sparse festival il progetto europeo entra nel vivo rendendo protagonisti i Comuni di Caldarola, Camerino, Castelraimondo che ha ospitato l’inaugurazione lo scorso 14 settembre, Mogliano e Sarnano.

Alle ore 17.30 in Piazza Dario Conti Sottocorte Village (in caso di pioggia Aula Magna dei Licei) il clown Sebastian Burrasca presenta Shoes che tra le sue gags mostra la difficoltà di un esercizio quotidiano per tutto il genere femminile, seguendo il filo conduttore che dà il titolo allo spettacolo: le scarpe. Sfilare con il tacco 12? Pericolo ed eleganza unite in un'unica azione. Caratteristiche presenti anche in ogni disciplina circense. E qui entra in gioco il clown Sebastian Burrasca che tra le sue gags mostra la difficoltà di un esercizio quotidiano per tutto il genere femminile. Ed eccoci catapultati nelle più fashion passerelle di alta moda milanesi. Uno show d'interazione col pubblico, senza parola, in cui appaiono svariate tecniche del teatro di strada tra cui equilibrismi, giocoleria veloce, sculture di palloncini. Ogni sketch segue il filo conduttore che dà il titolo allo spettacolo: le scarpe. Sebastian Burrasca è un personaggio creato da Fabio Lucignano nel 2010. Nato e cresciuto come saltimbanco nelle più belle piazze dello stivale, negli ultimi 3 anni si è esibito anche in diversi festival di artisti di strada quali Senigart, Modena Buskers Festival, Super Clown Festival, SMIAF, Santa Sofia Buskers Festival, Faenza Buskers. Quest ‘anno è stato anche il primo classificato nel concorso ClownFactor che lo ha portato alla vittoria del premio Takimiri durante il festival internazionale di arte di strada e clown di Monte San Giusto, il Clown&Clown. Allieta con le sue entrate anche diversi cabaret su tutto il territorio nazionale. Nel 2014 fonda insieme al duo Meroni-Zamboni il Collettivo Clown. Con loro organizza festival, clown gala ed eventi. Nel 2015 è nato anche il duo con Andrea Mineo con lo spettacolo Funky Magic Show. Il suo bagaglio artistico comprende giocoleria, sculture di palloncini, arte del clown (iniziata nel 2007 con l’associazione di clown terapia VIP) con una comicità originale tendente al “no-sense” demenziale. Ingresso allo spettacolo euro 5, incluso aperitivo.

Sparse festival prosegue Il 12 ottobre a Sarnano presso il Loggiato di via Roma con Tournée da bar in Macbeth da William Shakespeare, uno spettacolo in cui il pubblico è coinvolto direttamente e accompagnato dagli attori all’interno dei segreti che si nascondono tra le righe di questo grande classico shakespeariano. In Bello Mondo Mariangela Gualtieri il 27 ottobre al Teatro Apollo di Mogliano (ore 17.30) cuce versi tratti soprattutto da Le giovani parole (Einaudi, 2015), ma inserisce anche poesie da raccolte precedenti, al fine di comporre una partitura ritmica che passa dall’allegretto al grave, dall’adagio fino al grande largo finale, col suo lungo e accorato ringraziamento al bello mondo, appunto, con la sua ancora percepibile meraviglia. Conclude Sparse festival il 9 novembre alla Sala Polivalente Annalena Tonelli di Caldarola Mago per svago, di e con Mirco Bruzzesi e Simon Luca Barboni per la regia di Lorenzo Bastianelli, la storia di un mago e del suo spettacolo, ma soprattutto, dei sogni incompiuti del suo assistente, che fin dall’infanzia sogna di “far ridere le persone”. Il classico spettacolo di magia viene così riproposto in una forma inedita, dove il numero tecnico lascia spazio al racconto di una storia delicata.

articolo pubblicato il: 24/09/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy