periodico di politica e cultura 20 luglio 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

libri: all'Instituto Cervantes di Milano

"Pobre Negro"

Ròmulo Gallegos nasce a Caracas nel 1884. Di spirito liberale e dalle idee fortemente antimilitariste ed antiautoritarie, guida con decisione l’opposizione alla dittatura di Juan Vicente Gomez. Inseguito dalla polizia, è costretto a fuggire in Spagna nel 1931. Vi rimane quattro anni, fino alla caduta di Gomez. Al ritorno in patria, il Venezuela lo riconosce subito, oltreché come intellettuale lucido e grande scrittore, quasi come un eroe nazionale. Dal 1936 è Ministro della Pubblica Istruzione e deputato. Il 14 dicembre 1947 Gallegos, nelle prime elezioni libere venezuelane, è acclamato Presidente della Repubblica. Dopo nemmeno un anno dall’insediamento, il 24 novembre 1948 un colpo di Stato depone Gallegos. La nuova giunta militare di Carlos Delgado Chalbaud lo fa arrestare. L’ex Presidente lascia nuovamente il suo paese, ed è esule a Cuba, e poi in Messico. Tornerà in patria solo dopo la caduta del dittatore Marcos Peres Jimenez, dieci anni dopo. Adoratissimo dalla gente, portato in trionfo per le vie della capitale ed ormai riconosciuto come uno dei protagonisti più significativi della riscossa del Venezuela e della sua lotta per la democrazia ed i diritti sociali, riprende casa nella sua Caracas, dove continuerà a scrivere e lavorare fino alla morte nel 1969. Nel 1964 il Venezuela ha creato il Premio letterario Ròmulo Gallegos, considerato uno dei premi di narrativa in lingua spagnola più prestigiosi al mondo.

Ròmulo Gallegos è senza dubbio uno dei massimi esponenti della cultura e della letteratura dell’America Latina, ed è davvero impressionante il successo che i suoi capolavori, come La trepadora (1925), Donna Barbara (1929), Cantaclaro (1935), Pobre Negro (1937), Sobre la misma tierra (1943), El ultimo patriota (1957) hanno riscosso nel continente sudamericano, negli Stati Uniti ed in alcuni paesi europei. Ma, curiosamente, non in Italia. Il lavoro straordinario di Luigi Brandajs, intellettuale torinese vissuto per un ventennio in Venezuela ed appassionato studioso di Gallegos, attraverso una traduzione precisa, fedele e filologicamente impeccabile, colma pertanto un vuoto singolare, consegnando finalmente al pubblico la possibilità di conoscere ed apprezzare Pobre Negro, un capolavoro che affronta temi di impatto emotivo, psicologico e sociale per molti aspetti attualissimi con una parallela e straordinaria messe di dati folklorici, sociologici ed etnografici. Il tema delle radici, delle culture popolari tradizionali, delle discriminazioni, della ricchezza spirituale, dei sentimenti semplici, del sacro, del paesaggio e dei costumi, espresso con una narrativa autentica che si ispira al “tesoro tradicional de nuestros pueblos”, alla terra, all’ambiente naturale, alla centralità della realtà latino-americana e dei suoi caratteri storico-etnologici originari. La scena di Pobre Negro è dominata dai temi dell’abolizione della schiavitù e della Guerra Federale, del rapporto tra aristocrazia bianca e “negros”, degli scenari etnici, religiosi, sociali ed umani e del desiderio di riscatto ed uguaglianza insiti in quella stagione storica; tutto questo attraverso l’intrecciarsi delle vite parallele di Pedro Miguel, figlio occasionale di un “incontro incantato" tra una giovanissima patrizia ed uno schiavo nero, e Cecilie Alcorta, suo cugino germano. I due incarnano le figure contrapposte del rivoluzionario e del riformatore, mentre sullo sfondo appare tutto il travaglio della nascita di una Nazione, in cui si disvelano, e questo libro consente di comprenderle meglio di ogni altro, le origini profonde del carattere del mondo ispano-americano caraibico: i suoi ritmi ed i suoi sentimenti, la sua dolcezza, la sua allegra irriverenza, il suo orgoglioso amor patrio, il senso della sua religiosità, le sue rivoluzioni, il desiderio di riscatto.

”La luna si era posta di fianco a lui per illuminargli il passo errante e le nuvole si aprivano in silenzio spianandogli un sentiero azzurro, seminato di tenere stelle. Poiché nel fare un salto imprevisto sopra l’abisso, all’uomo erano spuntate ali nei calcagni e non toccò più pietra scabra né rovo pungente, ma un’aria morbida in volo soave. E così si fuse nella gloria del mattino nascente che fu d’oro e di sete brillanti…”

Pobre Negro

La prima edizione italiana del romanzo di Ròmulo Gallegos

Traduzione di Luigi Brandajs per Oligo Editore

Presentazione 6 giugno ore 18.00 Istituto Cervantes Via Dante, 12, 20121 Milano

Insieme al traduttore, sarà presente Lucila del Carmen Urbina, Presidente dell’Associazione Venezuelani in Lombardia Liliana Rivas, professoressa di Lingua e Letteratura Spagnola

Evento organizzato da Associazione Venezuelani in Lombardia

articolo pubblicato il: 29/05/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy