periodico di politica e cultura 21 maggio 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

teatro: al Teatro Bramante di Urbania e al Teatro Piermarini di Matelica

"La Locandiera"

nella stessa sezione:
Sabato 16 marzo al Teatro Bramante di Urbania e domenica 17 marzo al Teatro Piermarini di Matelica, nelle stagioni promosse dall’AMAT con i rispettivi Comuni arriva in scena La locandiera di Carlo Goldoni proposta dalla compagnia Proxima Res, un allestimento piacevole ed elegante, formalmente curatissimo.

Mariangela Granelli è una Mirandolina di forte personalità affiancata in scena da Emiliano Masala, Tindaro Granata, Caterina Carpio e Francesca Porrini diretti dalla regia di Andrea Chiodi.

“Firenze, luogo della sciacquatura in Arno manzoniana ma anche goldoniana – afferma Andrea Chiodi nelle note di regia -, questo il luogo in cui agiscono le figure di una apparente spensierata commedia amorosa in cui però il non detto, il non desiderato, il non voluto diventano parole schiette, desideri e voglie, il tutto in lingua italiana che danno a questa commedia goldoniana un carattere universale e squisitamente moderno. Partendo dai Memoires goldoniani in cui lo stesso Goldoni afferma di essere partito da bambino giocando con delle piccole poupettes a costruire i suoi testi e a pensare che non bastava più un canovaccio ma era necessario un testo, ho immaginato che gli attori potessero proprio interagire con questo mondo dell’infanzia di Goldoni e dialogare di volta in volta con delle piccole bambole che rappresentino in modo efficace i rapporti tra i personaggi e la straordinaria macchina teatrale che è La Locandiera. Una locandiera che agirà tutta intorno ad un grande tavolo, tavolo da gioco e tavolo da pranzo, così chiaro il che cosa avviene sopra e meno chiaro che cosa avviene sotto, una Locandiera che è sicuramente la rappresentazione del Don Giovanni letterario ma al femminile, con i personaggi che appariranno e scompariranno tra una moltitudine di costumi del repertorio del teatro di Goldoni. Un gioco insomma che coinvolgerà i protagonisti nel mondo caro a Goldoni, dalle maschere che se ne vanno, ai costumi del repertorio fino alle sue amate poupettes dell’infanzia”.

Le scene e i costumi dello spettacolo sono di Margherita Baldoni, il disegno luci di Marco Grisa, le musiche di Daniele D'Angelo.

Per informazioni: Urbania 0721 3592515, 366 6305500, Matelica 0737 85088. Inizio spettacoli: Urbania ore 21.15, Matelica ore 17.30.

articolo pubblicato il: 14/03/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy