periodico di politica e cultura 16 febbraio 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

arte e mostre: al Museo Statale dell'Ermitage di San Pietroburgo

Umberto Mariani

“Ho capito solo alla mia età quella famosa frase di Picasso: ‘Io non cerco, trovo’. Non riuscivo a comprenderne il significato. Oggi, invece, usando il piombo nel mio panneggio, che si avvale di linee rette e non è quindi un panneggio vero, realistico, come nei pittori del Cinquecento, mi sono reso conto di creare delle forme simboliche. Ho scoperto così il significato di quella frase”.

Così l’artista Umberto Mariani, nato a Milano il 16 novembre del 1936, ha parlato delle sue opere che verranno presentate nel prestigioso Museo Statale dell’Ermitage di San Pietroburgo il prossimo 12 febbraio 2019. Una mostra – organizzata dal medesimo museo, con la collaborazione del Centro Studi dell’Opera di Umberto Mastroianni e Il Cigno GG Edizioni, patrocinata dal Consolato Generale di San Pietroburgo e da Ermitage Italia – curata da Dimitri Ozerkov insieme a Gérard-Georges Lemaire, Giovanni Granzotto e Silvia Ronchey.

“Mariani è un artista che fin dalla sua formazione negli anni Cinquanta, allievo di Achille Funi all’Accademia di Brera, coltiva un rapporto con l’arte sacra espresso all’inizio degli anni Sessanta nella collaborazione col maestro alla realizzazione di grandi opere come la Pala di San Giuseppe in San Pietro a Roma o la decorazione in affresco della cupola e dell’abside del Santuario di Sant’Antonio a Rimini”, le parole di Silvia Ronchey. “E che oggi, programmaticamente e a pieno titolo, deriva dall’icona i suoi Frammenti da Bisanzio”. Le opere in mostra, assimilabili a dei veri e propri “panneggi” materici, testimoniano l’impegno di un artista che da oltre trent’anni è proteso alla ricerca di una connessione tra il suo piegare il piombo, fingendolo tessuto, e la trattazione del medesimo soggetto nell’arte bizantina così ben rappresentato nei mosaici delle chiese bizantine in Italia, a Ravenna per esempio, ma soprattutto nei luoghi di culto della chiesa ortodossa nell’Europa orientale.

I panneggi di Umberto Mariani sono realizzati in piombo e il piombo, nell’alchimia, ha un significato ben preciso: è il metallo di Saturno, della notte, l’opposto dell’oro. Contiene un pensiero non espresso che l’artista, diventato una sorta di sacerdote, cerca di evocare: la verità delle cose, sembra dirci, non si fa conoscere attraverso il linguaggio ma solo attraverso l’esperienza. Questo perché nella pittura e nella scultura dell’area europea, l’idea di sacralità e di spiritualità ha raggiunto il suo acme nei mosaici bizantini, nelle icone ortodosse e nelle decorazioni delle loro chiese e dei loro monasteri. Artisti come Kandinskij, Malevič, Chagall con i loro scritti e loro parole hanno ripetutamente affermato questo concetto. Nell’immaginario pittorico bizantino le regole prospettiche e i canoni delle proporzioni, tanto significativi per gli artisti del Rinascimento, non erano ancora conosciute. Le forme hanno un valore strettamente simbolico ed il colore anela a significati di assoluto idealismo. Spesso la figura umana occupa la maggior parte della superficie dipinta ed è quasi sempre ammantata in un fitto drappeggio.

“Ho trovato il mio panneggio assimilabile a quello bizantino. Per questo ho intitolato la mostra così. È un panneggio stilizzato, geometrizzato ma allo stesso tempo plastico. Le mie pieghe non hanno nulla di veristico e di reale, si avvalgono di forme e significati simbolici. Il panneggio è parte integrante della storia dell’arte, è sempre stato presente. Dai Greci fino alla fine del Settecento e poi con me. Chi non ricorda il panneggio della Nike di Samotracia?”. Il drappeggio non è inteso in senso descrittivo, è rappresentato mediante linee geometriche, per lo più rettilinee e in forme simboliche. Avvolge le figure celando le forme umane. Solo i visi e le mani emergono. ‘La forma celata’, non a caso, è il titolo più comune delle opere di Mariani.

La mostra del Museo Statale dell’Ermitage raccoglierà un corpus di trenta opere tra le più significative del Maestro. Non solo le più recenti ma anche alcune risalenti ai decenni passati, a testimonianza di quanto sia radicato l’interesse dell’artista per il tema del panneggio.

SCHEDA TECNICA Titolo: Arte Astratta in Italia: Umberto Mariani. Frammenti da Bisanzio A cura di: Giovanni Granzotto, Gérard-Georges Lemaire, Dimitri Ozerkov, Silvia Ronchey Luogo: Museo Statale dell’Ermitage di San Pietroburgo Palazzo dello Stato Maggiore Ingresso: Compreso nel biglietto di ingresso al Museo Ermitage Organizzazione: Museo Statale dell’Ermitage In collaborazione con: Centro Studi dell’Opera di Umberto Mastroianni, Roma Il Cigno GG Edizioni Con il patrocinio di: Consolato Generale di San Pietroburgo Ermitage Italia Date: 12 febbraio – 31 marzo 2019 Inaugurazione: 12 febbraio 2019, ore 18.00 Catalogo: Il Cigno GG Edizioni Info: Il Cigno GG Edizioni - 06 6865493 redazione@ilcigno.org

articolo pubblicato il: 08/02/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy