periodico di politica e cultura 22 maggio 2019   |   anno XIX
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

opinioni e commenti

le incognite dell'autonomia

di D. B. V.


nella stessa sezione:
Mentre l’opinione pubblica continua ad essere calamitata, dai partiti e dai media, su migranti e scafisti, elargizione del reddito di cittadinanza, “quota 100” per l’andata in pensione, stop alle grandi opere, oppure viene frastornata con messaggi da “doccia scozzese” sulle tasse e sull’occupazione, nessuno richiama l’attenzione sulla frantumazione giuridica dell’Italia che da un momento all’altro può deflagrare con il meccanismo della “autonomia”.

Il Governo sta trattando con Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna (ma altre regioni si sono accodate, non ultima l’Umbria che farebbe meglio a render conto di come ha gestito le competenze già spettanti) per concedere competenze legislative differenziate e reimpiego “autarchico” delle tasse riscosse da ciascuna Amministrazione regionale. “Controcorrente” ha già divulgato l’articolo di allarme di Gianfranco Viesti su quel che potrebbe accadere sulla vita delle comunità amministrate con un simile frazionamento delle legislazioni locali, concernenti servizi fondamentali e settori primari delle attività produttive e professionali.

Segnaliamo la nuova dettagliata analisi a firma di Mauro Calise, pubblicata da “Il Messaggero” del 28 gennaio 2019 col titolo “L’autonomia che ha già diviso in due il Paese”. Condividendone perfettamente il contenuto e le gravi preoccupazioni, vogliamo sottolineare che tale questione (assolutamente non degradabile ad una delle materie di trattativa tra le componenti del governo) non appartiene ad intellettuali di ristretta cerchia, dediti agli studi di diritto costituzionale, ma a ciascuno di noi cittadini per le ricadute sulle attività quotidiane, nonché sul trattamento fiscale, per non parlare della coesione sociale e dell’uguaglianza di diritti e obblighi di tutti ovunque siano residenti.

articolo pubblicato il: 12/02/2019 ultima modifica: 24/02/2019

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy