periodico di politica e cultura 9 dicembre 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

libri: Marco Martinelli

"Lasciarsi andare"

di C. S.


“Lasciarsi andare” è il secondo romanzo di Marco Martinelli. Dopo numerosi saggi di vario genere, l’autore ha concentrato la sua voglia di comunicare, in una dimensione letteraria, storie reali con un racconto asciutto, a tratti aggressivo, ma collocate fuori da un tempo e da uno spazio definiti e circoscritti.

Non ha però abbandonato il gusto di scavare nelle coscienze individuali e collettive e di perseguire un percorso di analisi introspettiva dell’universo umano. Sottendono il tutto una chiara e forte preoccupazione esistenziale, un incessante dialogo con i temi morali ed etici della società attuale e dell’individuo nella sua unicità.

Aleggia continua la spasmodica ricerca di libertà, di autodeterminazione e di autoaffermazione che lacci più o meno nascosti, più o meno tesi soffocano ed inibiscono qualsiasi azione umana. Si avverte forte il contrasto fra l’individuo ed il pensiero dominante che nel dilagante conformismo condiziona i rapporti interpersonali.

I personaggi che animano questo secondo romanzo non si svincolano dal controllo dell’autore e amplificano le sue preoccupazioni. Le azioni che essi vivono sono legate e calate nella contemporaneità, di cui assumono anche il linguaggio secco ed asciutto. Il dramma dei personaggi è sostanzialmente legato alla consapevolezza della incomunicabilità; uomini e donne pupazzi o burattini nelle mani di forze potenti, insindacabili ed occulte.

Martinelli si colloca nell’alveo del romanzo moderno. Dimostra di conoscere Svevo e Joyce, Henri Bergson e occhieggia alla psicanalisi, in cui la trama scompare nel dissolvimento della struttura del romanzo ottocentesco e non esiste più correlazione tra rappresentazione spaziale e ambiente. Scompare, inoltre, l’andamento cronologico, per privilegiare l’attenzione sulla sofferenza dell’uomo, che ha perso l’identità e l’essere eroe. Anche i personaggi di Martinelli vivono nel tempo della coscienza nel fluttuare cosmico della realtà.

articolo pubblicato il: 02/12/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy