periodico di politica e cultura 18 dicembre 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

arte e mostre: in gran mostra al Museo di Palazzo Mocenigo a Venezia

i flaconi della Collezione Magnani

di Michele De Luca

Il Museo di Palazzo Mocenigo, in linea con altre esposizioni sul tema realizzate a latere della nuova sezione dedicata alla storia del profumo e delle essenze - che dal 2013 impreziosisce il nuovo layout espositivo della sede - presenta (dal 6 ottobre fino al 17 marzo), una cospicua selezione di flaconi appartenenti alla Collezione Magnani. È oramai noto che il profumo e i suoi contenitori sono stati per secoli riservati a poche persone privilegiate che, anche attraverso questi minuscoli oggetti, intendevano ostentare la loro ricchezza e il loro amore per il bello o per il “meraviglioso”.

Questi straordinari manufatti rappresentano la passione di Monica Magnani, collezionista ‘onnivora’ di portaprofumi antichi - noti anche come scent bottles – che è iniziata con l’acquisto di un piccolo oggetto d’argento proveniente da una nobile famiglia veneziana. Quello che poi è stato scoperto essere una perfume box tedesca del XVII secolo ha fissato i parametri che caratterizzano gli oltre 850 flaconi della sua collezione: l’antichità, l’insolito e le misure , tutte inferiori ai 10 centimetri.

Fiorita nel tempo con meticolosa e appassionata ricerca, scoperta, scelta e studio, la raccolta spazia dai ‘balsamari’ dei primi secoli dopo Cristo ai pezzi dei primi '900, passando per qualche rarissimo esemplare del XVII e XVIII secolo, fino alla grande varietà che ha caratterizzato la produzione di tutto l'800, tra cui le chatelaines indossate ai balli o utilizzate per i minuscoli pegni d’amore francesi, o per i vetri di Murano e Boemia o, ancora, per i tanti souvenir del Grand Tour.

La mostra, a cura di Chiara Squarcina e Monica Magnani, presenta tra l’Androne, la White Room e il piano nobile di Palazzo Mocenigo, una selezione di 225 flaconi divisi in 10 aree tematiche - Cronologia, Toys, Souvenir, Tecniche, Natura, Pegni d'amore, Contenitori, Chatelaine, Piccolissimi e Capolavori - esposti attraverso un’originale chiave di lettura che ne fa emergere il loro significato intrinseco: non solo dei portaprofumo ma quasi una ‘concretizzazione’ di uno stato d'animo o di un sentimento.

La mostra è inoltre ulteriormente impreziosita da una vetrina che espone rari commerciali d'epoca e da un'altra che presenta libri antichi sul profumo e la cosmesi messi a disposizione dalla Biblioteca della Bellezza di Cosmetica Italia - Milano (ex Unipro - Unione nazionale industrie di profumeria, cosmesi, saponi di toletta e affini). In mostra anche il bozzetto originale di Gino Boccasile della pubblicità di Lauro Olivo di Vidal, gentilmente prestato da Mavive per l’occasione. Un affascinante viaggio dunque, che da Venezia è partito e a Venezia trova la sua logica collocazione, alla scoperta di una straordinaria produzione artigianale fiorita nel tempo con singolare fantasia e abilità tecnica. Alla mostra è abbinato un catalogo edito dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.

articolo pubblicato il: 02/10/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy