LaFolla.it - "Festa del Duca"
periodico di politica e cultura 16 agosto 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

spettacolo: XXXVII edizione

"Festa del Duca"

Dal 10 al 12 agosto Urbino (PU), città del Rinascimento e Patrimonio dell'Unesco, indossa i preziosi abiti di corte per la XXXVII edizione della Festa del Duca - Sipari Rinascimentali e ricorda la maestosità rinascimentale del Montefeltro con: Teatro a Palazzo Ducale - tra i protagonisti Michele Placido, Ramin Bahrami, Kim Rossi Stuart, musiche e danze antiche, tornei e Giochi storici, laboratori per bambini, fuochi d’artificio rinascimentali e tanto altro. Con la XXXVII edizione dei Sipari Rinascimentali A.R.S. Urbino Ducale eleva la Festa del Duca a vero e proprio Festival del Rinascimento: spettacoli di alto livello culturale, giochi e tornei popolari si incontrano armoniosamente e restituiscono l’atmosfera grandiosa e vivace del Montefeltro ai tempi del suo Signore.

Il programma dell’edizione 2018 riporta al centro il magnifico Palazzo Ducale e i suoi incantevoli ambienti. La Galleria Nazionale delle Marche accoglierà Teatro a Palazzo Ducale: una rinnovata rassegna di spettacoli musicali e teatrali esclusivi con interpreti nazionali e internazionali curata dal direttore artistico Massimo Puliani. Michele Placido inaugurerà la rassegna il 9 agosto con Da Dante a Shakespeare … un recital - concerto per la città di Urbino sulla parola d’amore attraverso i versi dei maggiori poeti rinascimentali e il commento musicale di Davide Cavuti; venerdì 10 agosto prenderà avvio Note e voci cortigiane, progetto originale in due giornate creato in esclusiva da Ramin Bahrami. Il pianista iraniano terrà una lectio magistralis su Bach esibendosi al piano nei Colori in Bach e Raffaello; sabato 11 agosto, Bahrami si esibirà nel recital Dalla melanconia all’introspezione umana con letture da Leopardi a Pasolini di Kim Rossi Stuart.

In attesa degli spettacoli principali, il Giardino del Pasquino ospiterà aperitivi rinascimentali e reading poetici. Claudio Tombini, accompagnato dall’ensemble di Paolo Cerboni Bajardi, si cimenterà nel dramma di Mario Luzi Il Purgatorio di Dante: la notte lava la mente (venerdì 10 e sabato 11 agosto) tra le danze antiche a cura di Enrica Sabatini, mentre alcuni spazi del palazzo accoglieranno laboratori sulle tecniche di pittura rinascimentali di Monica Ugoccioni e tableau vivant sulla tessitura a cura di Ars Balistarum, nonché la mostra Il Montefeltro e l’Oriente Islamico. Dal 10 al 12 agosto insieme alla corte ducale sfileranno, alla loro prima uscita pubblica, le delegazioni di Senigallia e Ferrara che, con danze, musiche di chiarine e sbandieratori, ricorderanno i territori ducali.

Il centro storico si animerà di locande, antichi mestieri, mercati rinascimentali e spettacoli itineranti per le piazze e vie della città, mentre la rievocazione storica Guidubaldo: il futuro Duca di Urbino, curata da Rosanna Saltarelli Andrea Serafini, riporterà alla memoria la nascita del tanto atteso erede. La Notte del Duca (sabato 11 agosto) richiamerà a corte giullari, mangiafuoco, musici, danzatori, schermidori, teatranti, madonnari che animeranno il centro storico fino a tarda notte.

Per le tre giornate i tornei infuocheranno gli animi di visitatori e cittadini: il Torneo della Cortegiania, gara di tiro con l’arco tra Contrade della Compagnia Feltria Aquile Ducali e il Torneo dei Tamburi Ducali. La sfida più attesa è il grande Gioco dell'Aita (12 agosto ore 21.30), disputa praticata nei tempi di non belligeranza e oggi tra i 15 giochi storici riconosciuti dal MiBACT. Fabio Ongaro sarà il rugbista-padrino della gara più cruenta del Montefeltro; a lui il compito di decretare, tra i gialli e i turchini, la squadra vincitrice in un tripudio di fuochi d’artificio rinascimentali.

Un’attenzione particolare riservata ai più piccoli con un programma loro dedicato: laboratori per scoprire e conoscere i giochi antichi del Duca, come nasce e prende colore il filo, poi spettacoli di magia e giocoleria e un parco giochi rinascimentale. Il biglietto della Festa del Duca, diversificato per residenti del Comune di Urbino, turisti che alloggiano nel centro storico e nel Comune di Urbino, permette la visita al centro storico e l’ingresso alla Galleria Nazionale delle Marche con specifiche agevolazioni.

articolo pubblicato il: 06/08/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy