periodico di politica e cultura 24 settembre 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
abbiamo aggiornato la cookie policy e i collegamenti ad essa associati: cookie policy
archivio
Google

musica: all'Auditorium Parco della Musica di Roma

Ezio Bosso sul podio

Secondo appuntamento per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia nella rassegna Roma Summer Fest - che alterna proposte di musica che spaziano dalla classica al jazz, dal rock al pop – con Ezio Bosso sul podio alla guida dell’Orchestra dell’Accademia. Enfant prodige, compositore e direttore d’orchestra, ma anche uomo di profonda etica e spessore intellettuale, Bosso la scorsa stagione ha festeggiato il suo ritorno alla direzione d’orchestra, dopo sette anni di assenza, proprio insieme all’Orchestra di Santa Cecilia. A un anno esatto di distanza la magia si ripete con un programma intitolato Nuovi Mondi (giovedì 12 luglio, Auditorium Parco della Musica, Cavea ore 21), in cui Bosso dirigerà la sua Sinfonia n. 1 “Oceans” nella sua nuova trascrizione in tre movimenti in premiere mondiale per l’evento romano, e la Sinfonia n. 9 “Dal nuovo mondo di Dvořák. Oceans, originariamente suddivisa in cinque movimenti, dedicati ciascuno a un oceano (Atlantico, Pacifico, Indiano, Artico e Antartico) è scaturita da un immagine che lo stesso Bosso racconta come quella di “un uomo solo di fronte all’oceano, un oceano che cresce, si infrange. Diventa una storia con un punto di partenza e un arrivo, l’oceano è il mare, ma anche il viaggio, che può essere viaggio interiore, la migrazione da una condizione umana all’altra, come la migrazione da un posto all’altro”. Il violoncello solista, nella prima stesura violoncello concertante, – al quale darà voce Luigi Piovano, Primo violoncello dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia – è metafora dell’uomo solo, che si confronta con la vastità dell’oceano e della massa orchestrale.

Il 26 giugno Ezio Bosso è stato presente – unico ospite italiano – nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles nell’ambito della conferenza Cultural heritage in Europe: the path to our soul nel corso della quale ha affermato che “la musica trascende ogni confine”.

Per rimarcare l’importanza e proseguire l’impegno divulgativo sempre presente nelle attività di Bosso, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ha acconsentito all’apertura al pubblico delle prove dell’11 luglio (ore 10-13 e 14.30-17.30) del concerto di Ezio Bosso, che saranno aperte a coloro che hanno acquistato il biglietto del concerto del 12 luglio.

Ezio Bosso, Direttore Principale e Artistico della Stradivari Festival Chamber Orchestra, Sony Classical International Artist dal 2016, a Febbraio 2018 è stato nominato Steinway Artist. Ezio Bosso è inoltre Testimone e Ambasciatore internazionale dell’Associazione Mozart14, eredità ufficiale dei principi sociali ed educativi del Maestro Claudio Abbado, fondatore dei progetti Tamino e Papageno e diretta con impegno raro dalla figlia Alessandra: una conferma dell’impegno didattico e sociale del maestro Bosso, che dunque si sviluppa non solo nella sua intensa attività di divulgazione, sempre ribadita anche nell’attività concertistica, nell’impegno costante ad aprire, dove possibile, tutte le prove orchestrali o cameristiche - primo direttore a farlo - e nelle sue lezioni aperte a tutti, ma anche nell’attività svolta con Opera Pia Barolo e Medicina a Misura di Donna a Torino. Ezio Bosso inoltre è il testimone ufficiale della Festa Europea Della Musica per il 2018. Direttore d’orchestra, compositore, pianista all’occorrenza come ama definirsi, Ezio Bosso ha ricominciato una più intensa attività concertistica solo dalla seconda metà del 2015. Un percorso in crescendo che nel 2016, dopo aver portato oltre 100.000 spettatori nei migliori teatri con il suo recital per solo pianoforte considerata ormai la tournée di musica classica più importante della storia italiana, lo ha visto Direttore Stabile Residente del Teatro Giuseppe Verdi di Trieste e reduce da una lunga serie di trionfi alla testa di alcune delle migliori orchestre italiane e internazionali. Vale dunque ricordare l’Orchestra Filarmonica del Teatro La Fenice di Venezia a ottobre 2016 con cui è ritornato sul palco per la prima volta; l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, di cui è stato Direttore Principale Ospite e che ha trionfalmente condotto sia nel teatro della città a dicembre 2016 sia in Piazza Maggiore davanti ad oltre 10.000 persone con un successo di pubblico e attenzione che nella città non si ricordava da tempo immemore per l’Opening Act del G7 Ambiente concerto premiato ai Live Award di Lisbona come miglior evento musicale europeo dell’anno; La Georgian State Opera and Ballet dove ha diretto il gala operistico con le dive del canto Nino Surguladze e Carmen Giannattasio per il tradizionale concerto benefico del Primo Maggio, concerto che ha visto oltre sette standing ovation ed è stato seguito da più di 4 milioni di persone collegate in diretta televisiva e web da tutto il mondo. l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra del Teatro San Carlo nella prestigiosa cornice della Reggia di Caserta, l’Orchestra Sinfonica Siciliana nel Teatro Antico di Taormina, l’Orchestra da Camera di Mantova, L’Orchestra da Camera Lituana con il solista Sergey Krylov.

Dunque una serie impressionante di attesissimi debutti tutti sold out, coronati dal plauso di critica e pubblico, con una media di due standing ovation a ogni concerto. Impegni concentrati in pochi ma serratissimi mesi, caso forse unico nel panorama internazionale. Senza contare il debutto al celeberrimo KKL di Lucerna completamente esaurito, coronato da ben due standing ovation e oltre quindici minuti di applausi. Nei concerti sopra elencati Ezio Bosso ha toccato oltre 40.000 persone con programmi che spaziavano da Bach a Schubert, Beethoven, Mendelssohn, Puccini, Pärt, Cage, Messiaen e lo stesso Bosso. Mesi intensi che sono culminati nella fondazione di un nuovo ensemble orchestrale indipendente, la Stradivari Festival Chamber Orchestra, e hanno dato buoni frutti anche sul fronte della critica.

I biglietti possono essere acquistati presso: Botteghino Auditorium Parco della Musica Viale Pietro De Coubertin Infoline: tel. 068082058 Botteghino Via Vittoria 6 (adiacente Via del Corso, Roma) solo tramite carta di credito o bancomat - dal lunedì al venerdì ore 11-19 Prevendita telefonica con carta di credito: Call Center TicketOne Tel. 892.101

articolo pubblicato il: 10/07/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy