periodico di politica e cultura 14 agosto 2020   |   anno XX
direttore: Gabriele Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

le lettere a "La Folla"

Karina

Ci sono artisti che dipingono per esprimere un talento innato. Altri per cui riprodurre la realtÓ Ŕ un perfetto esercizio di tecnica ed interpretazione. Altri ancora utilizzano il canale pittorico per dare sfogo alla creativitÓ che prepotente anima loro. Ce ne sono altri per˛,che oltre a tutto ci˛, mettono nella realizzazione delle proprie opere qualcosa di pi¨. Mettono quella speciale sensibilitÓ che permette loro di trasformare il quadro e l┬žatto del dipingere in uno strumento di ricerca. Non solo estetica, non solo stilistica, ma personale, interiore, anche se da condividere. Karina Ŕ uno di questi. Nelle sue tele non troviamo le metropoli cosý come si possono osservare dall┬žesterno, con lo sguardo seppur privilegiato ed indagatore dell┬žartista. Non c┬žŔ la realtÓ che si vede. C┬žŔ la realtÓ che si cerca, quella che si vorrebbe. Una dimensione ideale, riscaldata da una luce nuova, soffusa e madreperlacea, che rischiara. Che Trasforma. C┬žŔ la volontÓ e l┬žambizione di sfruttare ci˛ che c┬žŔ di pi¨ concreto come trampolino verso qualcosa che va oltre. E allora non ci sono pi¨ Parigi, Barcellona, NewYork, ma atmosfere urbane ovattate in cui l┬žUomo, uguale ovunque, cerca di raggiungere uno stato di pi¨ assoluta e trascendente consapevolezza. E gli edifici non sono pi¨ semplici strutture, ma il trait d┬ž union simbolico tra il profano e lo spirituale, la metafora di un intima connessione, gli alleati del Tempo che fa da costante e culla con il suo lento scandire questo legame sottile ed intimistico. Anche i colori sono tenui. Sono soavi e morbidi di confortevole speranza. Delicati come un risveglio, impeccabili ed armonici nella loro volontÓ di perfezione. Karina coglie e vede tutto questo. Non attraverso l┬žintuizione del Genio, ma con il suo raffinato Sentire, con la grazia del suo animo femmineo, con la sua presente e fervida spiritualitÓ, suggerendoci una lettura eterea e quasi onirica, sospirata, delle grandi capitali moderne.

Nicoletta Pecile


commenta questa lettera


Raccomandiamo ai gentili lettori di inviare lettere concise. In caso contrario saremo costretti a ridurle. Questa è una tradizionale rubrica di lettere al direttore e non un forum. Essendo inoltre il nostro un giornale online, deve sempre proporre articoli brevi e quindi, a maggior ragione, lettere brevissime. Ringraziamo per la sensibilità dei cortesi corrispondenti.

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttore responsabile: Gabriele Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/2001 - reg. Trib. di Roma n 559 2002 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy