torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
asimmetrie
di Paolo Lulli

La storia scientifica dello scorso secolo e' culminata con le prime missioni di esplorazione dello spazio; queste hanno visto molti di noi davanti al televisore fino a notte fonda, nella speranza di poter vedere qualcosa di piu' delle immagini ricavate come un collage da altre piu' piccole che comparivano man mano nei giornali. Nel tentativo di comprendere perche' mai servisse un ``effetto fionda'' e recarsi in direzione opposta alla destinazione prefissa, (e simili) ed un poco cullandoci con le fantasie di intramontabili serie di fantascienza, il tempo e' trascorso. Molte di quelle che sembravano solo fantasie, sono divenute, chissa' come, curiosamente di attualita'.

Il pianeta che ha sempre solleticato le fantasie piu' fertili e' Marte. Per vari motivi, che non stiamo qui ad elencare; ma ora questo vago interesse ha assunto la dimensione palpabile di ben due missioni scientifiche di esplorazione: le agenzie spaziali europee e statunitensi si contendono l'esplorazione di Marte.

Molti vociferano addirittura di un prossimo sbarco dell'uomo su Marte, dimenticando forse, o ignorando del tutto, i gravi rischi a cui sarebbe esposto l'essere umano in una navigazione interplanetaria Il problema principale e' dovuto all'attivita' solare, per la quale non si dispone ancora di un modello deterministico, un po' come per le previsioni del tempo a lungo termine, potremmo dire; con l'importante differenza che eventuali tempeste solari incontrate fuori dall'atmosfera planetaria, avrebbero probabile esito letale per un equipaggio che si trovi a bordo della navetta.

Certamente, chi si occuperebbe di simili missioni, questi dettagli li conosce molto bene, e con molta probabilita' li considera in maniera debita, e lascia che i media ci ricamino su un poco, magari come forma benevola di pubblicita'.

Ma non importa, forse non siamo vicinissimi alla colonizzazione di altri pianeti come qualcuno sarebbe pronto ad affermare, ma l'evoluzione dei nostri mezzi tecnologici procede a ritmo serrato, e' tanto veloce da stravolgere i modi d'impiego e, fortunosamente, gli scopi che si erano prefissi coloro che quelle stesse tecnologie le hanno ideate in altri tempi.

Insomma, doverosamente liberato il campo da tutti gli eccessi e gli ottimismi ciechi dettati dalla disinformazione, possiamo svelare che la comunita' scientifica si sta ponendo seriamente una domanda che forse il realismo cinico di alcune considerazioni, contrario a tante fantasie new age, sembrava escludere.

A questa domanda, la comunita' scientifica internazionale spera di trovare una risposta con tali spedizioni, e la vera domanda e': ``E' possibile che ci sia, o ci sia stata, vita su marte ?'' Vita intesa nel senso piu' ampio, naturalmente, ma vita. L'osservazione che a questo punto sembrerebbe doveroso fare e': come riconoscerla ? La vita alla quale siamo abituati e' basata interamente sulla chimica del carbonio, e volendo essere piu' precisi, sulla produzione di amminoacidi da parte dei vari organismi biologici. Tuttavia amminoacidi possono venire prodotti, anche sulla terra, da svariate reazioni di tipo non biologico... Il rischio di scambiare il prodotto di reazione di scariche nell'atmosfera con la prova inequivocabile dell'esistenza degli alieni e' assai elevato. Ma c'e' qualcosa che contraddistingue l'esistenza biologica, un marchio inequivocabile che ai grandi filosofi del passato e' puntualmente sfuggito: l'asimmetria. Ovvero, se noi tentassimo di produrre in laboratorio un certo amminoacido, lo otterremmo come risultato di una qualche reazione che, a partire dagli stessi componenti, porterebbe alla formazione di una miscela dei prodotti statisticamente ripartita tra coppie di prodotti simmetrici. Questa proprieta' e' nota con il nome di ``Chiralita'''. Bene, le cellule che compongono gli organismi viventi presentano tutte la stessa chiralita'. Ovvero, se e' possibile disporre in due modi speculari la medesima molecola, avente proprieta' chimico-fisiche identiche, l'organismo vivente ne scarta puntualmente una, e sempre la stessa.

Come dire che ``L'uomo e' asimmetrico'', l'essere vivente si distingue dall'omogeneita' e dalla simmetria di fondo dell'universo inerte. Una qualita' piuttosto curiosa, per quanto recondita nelle pieghe dell'esistente. Ed e' inoltre grottesco trovare una radice comune alle nostre imperfezioni in una qualita' immanente come difficilmente si potrebbe immaginare, rispetto a quanto qualcun altro, con un notevole sforzo, credeva di cogliere l'essenza dell' uomo come mammifero bipede implume.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it