torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
l'Illuminismo di Lamettrie e Mandeville
di Giuseppe La Rosa

Sebbene Voltaire e Rousseau non avessero risparmiato spregiudicati e disinibiti attacchi alla cultura vigente ai loro tempi, l’estremo apogeo della sfida illuminista fu raggiunto da intellettuali quali Giuliano Lamettrie (1709 – 1751) e Bernardo di Mandeville (1670 – 1733). Due medici che si diedero anche alla “filosofia”. Due “pensatori” che abituati a trattare con la fisicità dell’essere umano non ebbero la capacità di librarsi in alto, di penetrare le profondità dello spirito degli uomini, arrestandosi dinanzi alla corporeità dell’uomo, percependo solo in essa l’esplicarsi totale della vita umana.

Per Lamettrie l’uomo, gli animali e le piante vanno collocati tutto sullo stesso piano. Voltaire e Rousseau nonostante le loro tesi anticonformiste avevano un’alta considerazione dell’uomo, che era per loro un essere peculiare, più importante e più completo degli altri. Per Lamettrie no. Per lui il mondo è una macchina, che va avanti da sola. Quali sostanze spirituali, quale anima ! Tutte parole ! Parole vuote e senza significato. Anche l’uomo è una macchina. Da medico aveva sperimentato che tra corpo e psiche c’è una compatta e rigorosissima interdipendenza. Quando sei ammalato nel corpo, il tuo spirito com’è ? Se sei fiacco nel corpo ti si indeboliscono pure le facoltà psichiche. Se il cervello funziona allora funziona la capacità di pensare. Se il cervello va in tilt, va in malora anche l’idoneità a pensare. Se i muscoli del corpo non puntellano la testa, la testa non supporta il pensiero.

Da qui a “decretare” che il pensiero è pura materialità il passo è breve.

Lamettrie arriva a ipotizzare che il cervello degli animali può migliorare ed essere educato. Ha fiducia che prima o poi la scimmia imparerà a parlare come gli uomini.

Questo pensiero sarà, poi, portato alle estreme conseguenze da un certo Darwin.

Tesi estremistiche e scandalose anche da parte di Mandeville. Per questo medico il benessere della società non si fonda né si mantiene sulla virtù, bensì sul vizio. La società, finché al suo interno conserva e sostenta vizio e corruzione, prospera rigogliosamente, se affiora la virtù, digrada e si collassa. Le sue favole sono volutamente provocatorie.

Grazie al vizio e alla corruzione fioriscono gli avvocati, i commercianti più o meno imbroglioni, i medici più o meno onesti, i preti più o meno devoti. Comparsa l’onestà finiscono i facili guadagni e finisce il benessere.

A quel punto tutti sono onesti, ma senza denaro. I commercianti perdono i clienti e la società cade in miseria.

Che dire delle loro idee. Come al solito, le trovate intellettuali condotte al punto estremo svalorizzano ed offuscano gli eventuali elementi positivi presenti in esse. Che l’essere umano sia composto di materia è indubitabile, che lo sia esclusivamente è assai discutibile. E’ sotto gli occhi di tutti che la vita di ognuno di noi non si svolge né si esaurisce nella nostra carnalità. Determinati stati psichici, anche se legati, nella loro funzionalità, alla salubrità di alcuni organi corporali, tuttavia negli esiti emozionali e razionali esondano la pura materialità. Emozioni e pensieri possono pure avere origine dal cervello, che è materia, ma corroborano l’individuo nella sua totalità che non è solo materia. L’uomo avverte che il beneficio derivante non si scarica solamente nel proprio corpo ma pervade la pienezza del suo essere, un essere che va al di là della composizione chimica del proprio organismo.

Per Mandeville dove c’è il vizio là si espande agio e opulenza.

Dire che esagera è dire poco. E’ fuori dal mondo. Probabilmente non ha assaggiato neanche lontanamente le molliche dei frutti dei vizi. Presumibilmente voleva informarci che non tutto il male vien per nuocere, che non tutti gli aspetti negativi della società sono nocivi. E va bene. Per questo ne prendiamo atto.

Prendiamo, altresì, atto che non fu preso sul serio. Tuttavia, malauguratamente dovesse allettare qualche mente, ci sarebbe da buttarlo al macero. Non foss’altro che per gli equilibri secolari che verrebbe a frantumare.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it