torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
non e' vero ma ci credo
di Sergio Gigliati

A dicembre e' di scena il gran teatro.

Nell'anno in cui ricorre il centenario della nascita di Peppino De Filippo, il figlio Luigi intende rendergli omaggio con la riproposta di una commedia che ha scandito un'epoca teatrale: Non e' vero ma ci credo.

La commedia, una tra le piu' note e divertenti dell'artista ando' in scena per la prima volta nel 1941 e fu uno dei piu' grandi successi dei fratelli Peppino, Eduardo e Titina che la interpretarono insieme.

Si tratta l'attualissimo tema della superstizione, ben noto al pubblico; tutto al giorno d'oggi e', anche se molti non lo ammettono, incentrato sull'argomento della superstizione: dall'oroscopo alle manie di persecuzione, dalle fissazioni alle suggestioni che ci accompagnano e spesso condizionano nella vita di tutti i giorni.

Ed e' quanto accade nella commedia al commendator Gervasio Savastano. Gervasio e' e' un ricco industriale del napoletano che regola la sua giornata a seconda degli avvenimenti e delle premonizioni che gli si presentano: tutto, nella sua vita, e' regolato dal demone della persecuzione. Se per lui un dipendente ha un alone negativo, cerca di allontanarlo in qualsiasi modo; se un altro pensa gli porti fortuna cerchera' di farne un prezioso collaboratore.

Immaginate allora la fortuna, secondo il commendatore, quando gli capita di assumere in azienda un preparatissimo e simpatico giovanotto gobbo: e' il massimo.

Invece da quel momento tutto iniziera' ad andare di traverso ed inizieranno per il commendatore una serie di comiche ed esilaranti disavventure con un finale a sorpresa.

A questo punto il divertimento e' assicurato.

E' un teatro di qualita' quello che ripropone Luigi De Filippo con la sua Compagnia, ricco anche di una comicita' amara e per cosi' dire di riflessione. Ed il pubblico puntualmente lo accoglie sempre con grande favore, anche per la sua facolta' di trasmettere emozioni autentiche.

Lo spettacolo sara' in scena fino al 28 dicembre al Teatro Manzoni con le scene di Salvatore Michelino ed i costumi di Mariolina Bono; tra gli interpreti: Patrizia Milone, Salvatore Felaco, Enzo Borrino, Anna Maria Senatore, Maria Lauria, Paolo Pietrantonio, Francesco Sisto, Luca Negroni, Stefania Aluzzi, Giovanni Piccirillo.

Regia naturalmente di Luigi De Filippo.

Teatro Manzoni
Via Monte Zebio, 14 c (Piazza Mazzini)
ROMA
Informazioni e prenotazioni
Tel. 06/3223634
11 dicembre recita straordinaria alle ore 17.30

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it