torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità scientifica
il nonno del mare

Un riccio di mare di color rosso, un invertebrato che abita in acque poco profonde, potrebbe rivelarsi uno degli animali dalla vita piu' lunga. Vive infatti per cento anni (alcuni esemplari anche piu' di duecento) senza mostrare segni di invecchiamento.

Gli zoologi marini della Oregon State University e del Lawrence Livermore National laboratory che hanno studiato questo riccio hanno smentito la credenza che viva solo tra i sette ed i quindici anni. Per far cio' hanno utilizzato due tecniche differenti, una biochimica e l'altra nucleare, che hanno apportato gli stessi risultati.

Stando ai dati, i ricci rossi di mare potrebbero conseguire una longevita' che supererebbe qualla di qualsiasi specie terrestre e probabilmente anche di quelle marine.

Il riccio rosso anche nel momento in cui muore non mostra segni apparenti di invecchiamento; un esemplare di cento anni possiede le stesse capacita' riproduttive di uno di dieci. Vive in acque poco profonde, alimentandosi di piante marine e difendendosi dai predatori con le sue numerose spine.

I ricci rossi crescono piu' lentamente di quello che si credeva, piu' rapidamente nei primissimi anni di vita (fino a quattro centimetri all'anno, contro un millimetro di crescita annuale dopo i vent'anni). I piu' grandi arrivano quasi ai venti centimetri e, da prove realizzate con il carbonio 14, sembra che abbiano tutti piu' di duecento anni.

Negli anni Sessanta negli USA si credeva che fossero animali nocivi per l'ecosistema marino e per questo si cercava di sterminarli; i giapponesi, in seguito li hanno pescati in gran quantita' perche' i loro organi riproduttivi sono molto apprezzati dai palati nipponici.

Per evitare la loro sparizione e' necessario evitare la cattura degli esemplari piu' vecchi e grossi, che sono quelli con le migliori capacita' riproduttive.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it