torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità scientifica
il naso elettronico

I cani poliziotti potrebbero presto essere messi in pensione, quantomeno per l'attivita' specifica di rilevamento dei narcotici.

William Hunt e Desmond Stubbs, della School of Electrical and Computer Engineering del Georgia Institute of Tecnology, hanno creato un sistema di "annusamento" elettronico di gran lunga superiore a quelli gia' sperimentati altrove. Si tratta di un dispositivo portatile, una fusione tra microbiologia e microelettronica, in grado di riconoscere l'odore della droga in tempo reale.

I cani poliziotti sono oggi indispensabili nella lotta contro i narcotrafficanti, perche' riescono ad individuare le sostanze anche in quantita' esigue, ma presentano alcuni inconvenienti, come l'alto costo di addestramento, il fatto che comunque la droga scoperta vada poi analizzata per stabilire di quale sostanza si tratti, alcuni cani sono inoltre piu' o meno portati per alcune sostanze invece che per altre, l'impossibilita' di alcuni esemplari di lavorare se in presenza di odori forti (alcuni trafficanti nascondono per questo la droga nel caffe').

Il naso elettronico non presenta questi problemi. Riconosce tutte le droghe, anche se in quantita' infinitesimali, grazie ad una tecnica denominata SAW (Surface Acoustic Wawe). La SAW individua una sostanza misurando la perturbazione che provoca nelle onde sonore che attraversano un piccolo cristallo di quarzo.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it