torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità scientifica
aumenta la lista rossa dell'estinzione

Oltre duemila specie (animali e vegetali) si sono aggiunte alle diecimila che gia' facevano parte della lista rossa delle specie in via di estinzione redatta dallo IUCN (organismo mondiale non governativo che si occupa della Natura).

La lista rossa comprende anche le specie sicuramente estinte a partire da 3.500 anni fa (dal 1.500 A.C., 762 tra animali e piante sono scomparsi); e' suddivisa per categorie, in rapporto al grado di pericolo d'estinzione.

Cinquantotto specie sopravvivono in cattivita' (animali) o in serra (piante).

Grossi pericoli si hanno nelle isole, come Galapagos, Seychelles, Falklands, Ascensione, Sant'Elena, Tristan da Cunha, Haway, dove l'introduzione di animali domestici e piante estranee distrugge l'habitat naturale.

L'attivita' umana costituisce il rischio maggiore per la salvaguardia della biodiversita', non solo per l'introduzione di animali o piante in zone diverse da quelle di origine, ma anche a causa di attivita' industriali, per la deforestazione, la pesca senza regole.

In America Latina animali e piante sono particolarmente esposti ai pericoli della crescita urbanistica ed agricola. Nel solo Ecuador sono 1.164 le specie di piante in pericolo, tra le quali le cycas, forse le piante piu' antiche della Terra. In Colombia e Venezuela sta scomparendo una razza di scimmie che si trova solo li', la scimmia Ateles, mentre nel nord del Brasile corre grossi rischi un'altra scimmia, il Tamarino bicolore.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it