torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
non va a Los Angeles il barbiere del Papa

"Il barbiere del Papa" di Velazquez non sara' acquistato dal museo Paul Getty di Los Angeles. I dirigenti della fondazione californiana hanno preferito non acquisirlo, dopo averlo avuto in prestito per alcuni mesi, fino al giugno scorso, nonostante possano contare su un budget di cento milioni di dollari annuali per arricchire la collezione.

Il ritratto e' considerato dagli esperti del museo del Prado di Madrid un capolavoro in eccellenti condizioni, ma i californiani non sono stati del medesimo avviso. Il museo Paul Getty e' costituito dalla collezione d'arte che il multimiliardario aveva raccolto in vita e che alla sua morte, nel 1976, volle lasciare ad una fondazione che ha sede in una villa romana ricostruita sulle rive del Pacifico. Oltre ai quadri, Getty lascio' al museo anche una dotazione di un miliardo e trecento milioni di dollari per ampliare la collezione.

Rifiutato anche dal Metropolitan di New York ( che gia' possiede il miglior ritratto di Velazquez, il "Juan de Pareja") e dal collezionista Keith Christiansen, il ritratto e' stato acquistato dal Prado.

"Il barbiere del Papa" fu dipinto da Diego Velazquez nel corso del suo secondo viaggio in Italia ed e' fondamentale per comprendere l'evoluzione del percorso artistico del Maestro.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it