torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
convegno su Ingmar Bergman

A partire dal 10 novembre il percorso proposto dal Centro Espressioni Cinematografiche, da Cinemazero e dalla Cineteca del Friuli, alla scoperta di Ingmar Bergman ha permesso al pubblico di Udine e di Pordenone di vedere, grazie ad un’ampia rassegna retrospettiva, la quasi totalitÓ dei film del maestro svedese in edizioni inedite.

Venerdý 4 e sabato 5 febbraio 2005, presso la Sala Convegni della Camera di Commercio, la cittÓ di Pordenone darÓ spazio e voce ai pi¨ rilevanti storici ed esperti dell’opera bergmaniana.

Al “panel” oltre ai critici di livello internazionale (quali il prof. Gervais dal Canada, lo scrittore Egil T÷rnqvist, la prof.ssa Lucilla Albano dell’UniversitÓ Roma3, per citarne solo alcuni), interverranno anche molti dei collaboratori e testimoni di Bergman tra cui produttori, assistenti, montatori che hanno lavorato ai film del maestro (il regista J÷rn Donner e l’editor Sylvia Ingemarsson tra le varie personalitÓ confermate).

Il convegno internazionale, che chiude come ogni anno “Lo Sguardo dei Maestri” (i precedenti sono stati dedicati a Bresson, Bu˝uel, Tati, Ophuls e Dreyer) oltre che produrre una annuale raccolta degli atti (edita poi da IL CASTORO) Ŕ anche uno dei rari momenti in Italia, non accademici, di crescita e sviluppo degli studi sul cinema.

Il convegno si concentrerÓ sull’ultima fase del lavoro del regista svedese. In particolare l’appuntamento sarÓ articolato in pi¨ sessioni: alla prima, dedicata ad un solo film, FANNY E ALEXANDER del ’82, definito dallo stesso Bergman come la sua opera summa, che avrebbe anche dovuto essere l’ultimo suo film, seguirÓ una seconda incentrata sugli ultimi lavori cinematografici e televisivi, fino al recentissimo SARABAND del 2003, nei quali affiora chiara un’attitudine spiccata da parte dell’autore a ripensare a temi e stili, motivi e forme nuove delle sue rappresentazioni, cercando un incontro tra le arti tradizionali e i mezzi pi¨ recenti come il digitale. Il rapporto tra cinema e teatro, tra esistenza e rappresentazione sono i temi che sembrano riguardarlo in quest’ultima fase della carriera, trattati con l’attenzione e l’interesse per le conquiste tecnologiche proprie di un artista completo e sensibile che continua a rinnovarsi e a proseguire straordinariamente il suo iter creativo. Bergman si presenta come uno di quei pochi importanti nomi della storia del cinema mondiale in grado di raggiungere il pubblico di oggi con un bagaglio immenso di idee e immagini e con una capacitÓ e una sensibilitÓ straordinariamente moderne. Questi film capaci di indagare come pochi l’animo umano, le sue stagioni, i suoi conflitti, le sue aspirazioni dimostrano di sapere dialogare ancora con le nuove generazioni. Le stesse alle quali la manifestazione friulana si rivolge nel riproporre intere cinematografie di maestri della storia del cinema; le stesse che saranno ospitate a Pordenone in occasione del convegno internazionale di studi che per primi vuole avere come interlocutori i giovani studenti.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it