torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
sacrifici a Teotihuacan

Una nuova scoperta nel corso degli scavi nella Piramide della Luna di Teotihuacan ha rivelato una sepoltura relazionata ad un sacrificio umano, nell'epoca del massimo splendore della città.

Teotihuacan, costruita duemila anni fa, fu la prima metropoli dell'America. Situata a circa quaranta chilimetri da Città del Messico, era piuttosto estesa e ricca di monumenti. Gli aztechi ignoravano a quale civiltà fosse appartenuta e la chiamarono Città degli Dei. Si sospettava da tempo che La Piramide della Luna, una delle costruzioni più antiche, fosse il centro cerimoniale della città.

La sepoltura contiene i resti di dodici persone, apparentemente sacrificate, insieme a numerose offerte e ai resti di numerosi animali, ugualmente sacrificati, come lupi, coyotes, puma, giaguari ed aquile. Questi animali erano simboli guerrieri, tipici di una società sicuramente militarista come quella di Teotihuacan. Dieci dei dodici cadaveri risultano decapitati e gettati da una parte alla rinfusa, mentre gli altri due erano riccamente vestiti e deposti con cura. Tutti e dodici hanno le mani legate dietro la schiena.

Il luogo del ritrovamento fa supporre che il sacrificio abbia avuto luogo durante i lavori di ampliamento della piramide, quasi a dimostrazione del potere religioso e militare dei governanti. Un dei ritrovamenti più interessanti è una specie di ex voto al centro della sepoltura, una specie di mosaico ad altorilievo rappresentante una figura umana.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it