torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
la lampadina eterna

è accesa da centosette anni


Si tratta di una reliquia di un'epoca in cui le cose si facevano affinché durassero: una lampadina a Livermore, in California, è accesa da centosette anni ed oggi una delle principali attrazioni turistiche della città. Si tratta inoltre di uno degli ultimi esemplari di una tecnologia in estinzione, dato che le lampadine ad incandescenza stanno per essere tutte sostituite dai led e dalle lampadine a basso consumo.

La lampadina di Livermore ha illuminato per più di un milione di ore la stazione dei pompieri di Livermore-Pleasanton e, nonostante la sua potenza sia molto bassa, solo quattro watt, per i pompieri simbolizza il fatto di essere in servizio ventiquattro ore su ventiquattro. Per permettere a tutti di vederla è stata istallata una webcam (www.centennialbulb.org).

La lampadina è entrata nel Guinness dei primati, superandone una texana accesa nel 1908. Il segreto della longevità probabilmente risiede nel fatto che non viene mai spenta e riaccesa, per cui si elimina il riscaldamento,ma anche nel fatto che fu costruita dalla Shelby Electric con una tecnologia accurata; il filamento è perfettamente isolato e nell'ampolla non c'è alcun gas nobile, come si è usato fare in seguito.

Quando fu accesa, illuminava un'arcaica stazione dei pompieri, con le pompe trainate dai cavalli. La lampadina doveva permettere, di notte, di dare il tempo ai pompieri di accendere le lampade a cherosene. Rimase lì negli anni, fino a quando i pompieri non cambiarono caserma, nel 1976. Quel giorno la lampadina rimase spenta per ventidue minuti, trasportata in una cassetta di legno.

Dapprincipio sembrava che non volesse accendersi, ma, dopo un rapido controllo di un elettricista all'interruttore, la lampadina tornò a rispendere.

articolo pubblicato il: 06/04/2011

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it